Pereyra risponde a Baldanzi, poi l’Udinese non supera un Empoli in dieci

Gol lampo del gioiello toscano dopo 3′, il capitano bianconero risponde nel secondo tempo, poi l’espulsione di Akpro, ma i friulani non passano: ottava gara di fila senza vittoria

Ciccio Caputo torna subito a incidere e mette lo zampino sul primo punto dell’Empoli nel 2023. L’attaccante 35enne regala a Baldanzi l’assist del momentaneo 0-1 nella trasferta di Udine, che per 45’ vede gli azzurri imporsi sugli avversari. Nella ripresa i toscani si chiudono e l’Udinese prova l’assedio, pareggia con Pereyra ma non centra il ribaltone. Udogie spinge però non basta, Beto arranca e l’assenza di Deulofeu si fa sentire.

Il match

—  

Sperando di sorprendere Sottil, Zanetti manda subito in campo il neo-acquisto Caputo, schierato al fianco di Satriano. A centrocampo ci sono Grassi e Akpa Akpro, turno di riposo per Bandinelli e Bajrami. Proprio l’albanese rimane fuori per fare spazio a Baldanzi, che trova la rete dopo appena 3 minuti. Il baby trequartista premia un taglio di Caputo che si allarga sulla fascia, crossa a rimorchio e ritrova ancora Baldanzi: controllo e tiro in porta, Silvestri non può nulla. Il 19enne festeggia la sua terza rete in campionato, Caputo torna a Empoli e sembra che non sia mai andato via: i compagni tentano di innescarlo nello stretto e con lanci lunghi, lui gioca di sponda e dialoga con Satriano, muovendosi sempre sul filo del fuorigioco.

Tallone d’Achille

—  

Dopo il vantaggio azzurro, la partita si fa vivacissima. L’Udinese attacca, l’Empoli si copre, recupera palla cerca di pungere in contropiede. Luperto e compagni tengono botta ma soffrono tanto (anzi, troppo) sulla fascia di Stojanovic. Nel primo tempo Arslan s’infila da quelle parti, crossa in mezzo e pesca Beto, che per due volte va vicino al pareggio con un’incornata. I friulani ci provano pure dalla distanza, sfiorano il palo con Walace e lo colpiscono in pieno, al 39’, con Pereyra. L’Empoli difende il risultato fino all’intervallo, però nella ripresa rischia addirittura la sconfitta. Confinati nella loro metà campo, gli azzurri non riescono ad alzare il baricentro mentre l’Udinese, individuato il punto debole degli avversari, butta benzina sul fuoco: Sottil “libera” Udogie sulla fascia mancina, l’esterno ci prende gusto e diventa una spina nel fianco dei toscani. Cross, tiri, assist, alla fine la mossa si rivela azzeccata. Passaggio di Destiny per Pereyra al 70’, palla all’angolino e parità ristabilita. L’azione si ripete, ma senza successo, un paio di minuti più tardi, poi l’Empoli rimane addirittura con un uomo in meno. Akpa Akpro finisce fuori per doppia ammonizione, in seguito ad un fallo ai danni del solito Udogie. La squadra di Zanetti resiste comunque fino al triplice fischio e il match finisce 1-1. Per l’Udinese si tratta dell’ottava gara consecutiva senza vittorie.

Precedente Un talento al giorno, Dario Osorio: la scheggia cilena ha attirato su di sé mezza Serie A Successivo Dzeko, capocciata al Napoli. L'Inter riapre la corsa scudetto

Lascia un commento