Perché non gioca mai? Viaggio nel mistero Adli

Dopo un eccellente precampionato il talento francese è finito in coda alle scelte di Pioli anche se i suoi concorrenti nel ruolo non stanno brillando. Ecco cosa c’è (e cosa non c’è) dietro il mancato utilizzo

Al Pittore hanno tolto la tela e Mozart non trova il clavicembalo. Insomma, Yacine Adli – che incarna entrambe le figure a seconda dell’estro e della vena poetica dei suoi sostenitori – non dipinge e non compone più il suo calcio, quel calcio testa alta e passaggi delicati e precisi che ha fatto innamorare chi ha avuto la fortuna (e l’acume) di vederlo giocare nel Bordeaux.

Precedente Valeri: "Da scarto alla Serie A, io e la Cremonese non molliamo mai" Successivo Reggiana, Kabashi ha le idee chiare: "Qui per vincere il campionato, no per segnare 15 gol"

Lascia un commento