Perché la Serie A piange miseria e poi riempie di soldi giocatori “solo” normali?

Marotta ha messo in guardia tutti: “Siamo davanti al rischio default”. L’esempio perfetto è la trattativa Milan per il rinnovo di Calhanoglu. Quanta distanza tra la realtà della crisi economica e la fiction degli ingaggi spropositati

I conti del calcio non tornano più. Non che prima della pandemia fossero in perfetto equilibrio, però il virus ha dato l’ultima mazzata a un sistema già zavorrato dai debiti. Si gioca a porte chiuse e sono evaporati gli incassi da stadio. Diversi club di Serie A sono in ritardo nel pagamento degli stipendi. I bilanci sono quelli che sono, tra quelle carte non si capisce bene dove finisca la finzione e dove cominci la realtà o viceversa.

Precedente Spezia, lesione al polpaccio per Sena Successivo Tutti pazzi per Rovella: tre big hanno già fatto il primo passo. C'è aria di appuntamenti...

Lascia un commento