“Perchè il Toro ha perso Lucca?”. “Chiedete a Bava”. Cairo e la risposta su Instagram…

Oggi il bomber del Pisa è un uomo mercato conteso dalle big di Serie A. Era granata, ma nel gennaio 2020 l’allora d.s. lo lasciò andare via gratis al Palermo sei mesi prima della fine del contratto

Oggi Lorenzo Lucca è un attaccante da prima pagina e un uomo mercato. Le big di Serie A sono pronte a contenderselo a caro prezzo. E così aumenta l’amarezza (e i dubbi…) di chi l’aveva nelle giovanili qualche anno fa e adesso non può sfruttarlo né in campo né sul mercato. È il caso del Torino, come si evince dalla risposta che il presidente granata Urbano Cairo ha dato oggi a un tifoso sui social. Sotto al post del presidente in compagnia di Massimo Boldi al bar Sant’Ambroeus in un commento estraneo al tema un tifoso chiede: “Come ha potuto perdere Lucca?”. Secca la risposta del presidente Cairo: “Chiedilo a Massimo Bava…”

passato granata

—  

Già, perché Lucca, oggi bomber del Pisa in Serie B, faceva parte delle giovanili del Torino. Era andato in prestito al Brescia e poi era rientrato alla base nel 2018 ma il suo contratto non solo non era stato rinnovato ma neanche lasciato scadere a giugno 2020. L’allora d.s. della prima squadra e responsabile del settore giovanile Massimo Bava infatti gli concesse di liberarsi sei mesi prima a gennaio 2020, facilitando così la trattativa del suo agente Imborgia di portarlo gratuitamente al Palermo. Un’operazione tutt’altro che lungimirante, viste anche le particolari caratteristiche fisiche del gigante di Moncalieri. Difficile trovare un attaccante di due metri che pure Bava conosceva bene avendo rapporti anche con il papà e la famiglia del ragazzo. Il resto, dal prosieguo della carriera con Palermo e Pisa fino all’interessamento delle big italiane, è storia. Che lascia nel Torino tanti rimpianti e più di una domanda aperta.

Precedente DIRETTA/ Tottenham Vitesse (risultato finale 3-2) gli olandesi chiudono in nove Successivo Napoli, con Anguissa hai un tesoro. E Spalletti si gode tutto il centrocampo

Lascia un commento