Perché è un po’ un peccato questo derby poco romano

Sfida più che godibile a cui però manca un elemento importante: i giovani cresciuti nel vivaio, i Conti, Di Bartolomei, Giordano e Manfredonia, il cuore della stracittadina

Il derby di Roma è sempre stato, per definizione, combattuto, ruvido, magari non bello ma emotivamente imperdibile. Ecco, il derby di oggi tra Lazio e Roma mantiene le stesse promesse e premesse, con l’aggiunta di una aspettativa: una partita anche tecnicamente di altissimo profilo. Già, perché con i loro alti e bassi, con le loro contraddizioni, con i loro limiti di panchina o strutturali, le due squadre hanno però inseguito un filo comune, quello del gioco.

Precedente Montreal cambia nome: addio Impact, benvenuto Club de Football Successivo Atalanta-Cagliari 3-1: a segno Miranchuk, Muriel e Sutalo. Gasperini è ai quarti

Lascia un commento