Perché a Riad hanno fischiato il ricordo di Riva. Era successo anche con Beckenbauer

Imbarazzo a Riad. Il ricordo di Gigi Riva, tra il primo e il secondo tempo della sfida di Supercoppa Napoli-Inter, è stato macchiato dai fischi del pubblico dell’Al Awwal Park Stadium. Dopo la scomparsa di un’icona del calcio italiano, la Lega Serie A aveva deciso di onorarne la memoria con un minuto di silenzio nella prima partita ufficiale in programma, appunto quella in scena in Arabia Saudita. Con l’immagine di Rombo di Tuono a campeggiare sullo schermo luminoso dello stadio e lo speaker a spiegare, in inglese, cosa stesse succedendo in memoria di “uno dei più grandi del calcio italiano”, dagli spalti si sono alzati fischi. Non è la prima volta, di recente, che il pubblico di Riad si rende protagonista di un evento del genere: poche settimane fa, infatti, lo stesso stadio aveva fischiato per la scomparsa di Franck Beckenbauer in occasione della Supercoppa spagnola tra Real e Atletico

motivazioni

—  

Secondo una ricostruzione i fischi – forti e udibili anche in televisione – sarebbero dipesi dal fatto che nella cultura araba il silenzio in ricordo dei morti non è previsto. In risposta, gli italiani presenti sugli spalti hanno applaudito, per onorare il ricordo del campione azzurro. 

Precedente Riservatezza e fiori al tavolo del ristorante preferito: il primo giorno di Cagliari senza Riva Successivo Il Bayern Monaco torna alla vittoria: battuto l’Union Berlino 1-0