Pep e Inzaghi, maestri delle gare secche. Bezzecchi, una vita tra moto e… scarpe

Su Sportweek calcio ma non solo: la parola anche Claudio Domenicali, in Ducati da 32 anni. E seconda parte dedicata a Pitti Immagine Uomo e ai suoi ospiti, tra cui Zlatan Ibrahimovic

Due copertine e due cover story per il ricchissimo Sportweek in edicola sabato con la Gazzetta dello Sport (al prezzo complessivo di 2,20 euro). Da un parte gli scacchisti Pep Guardiola e Simone Inzaghi, maestri delle gare secche, studiano le mosse dell’attesissima finale di Champions League in programma a Istanbul. Vi raccontiamo cosa unisce e cosa divide Manchester City e Inter, numeri, segreti e curiosità delle due finaliste. Guardiola vuol guidare i suoi al “treble”, Inzaghi parte sicuramente sfavorito (come dicono i bookmakers), ma ha una strategia per fare la storia con i nerazzurri. Ma il big match di sabato lo abbiamo giocato anche in musica, mettendo a confronto cantanti-tifosi di City e Inter. A seguire, tutta da leggere l’intervista a Carlos Augusto, l’imperatore del Monza che sulla fascia sinistra ha stupito tutti in questa stagione: 6 gol e 5 assist che lo hanno già fatto diventare uomo-mercato. E pensare che da piccolo neanche voleva fare il calciatore: “Ero troppo scarso, tiravo in porta e la palla andava da un’altra parte”.

Bezzecchi si racconta

—  

L’altra copertina di Sportweek è dedicata invece a Marco Bezzecchi: alla vigilia del GP del Mugello, il pilota della Ducati del team di Valentino ci racconta le sue passioni. Secondo in classifica dietro Bagnaia, il romagnolo è la sorpresa della MotoGP e, tra la fidanzata e lo “spataccare”, l’amico Rossi e la collezione di scarpe. Ci racconta tutto di sé: “Timido? Lo sono, ma non solo con le ragazze. Adesso per fortuna con loro devo parlare meno: c’è la Chiara…”. Per restare in casa Ducati abbiamo intervistato anche Claudio Domenicali che lavora alla Ducati da 32 anni e prima, sempre lì, aveva preparato la tesi. E allora tra passioni (“Ho quella del monta/smonta”), litigi (“Con Stoner, di brutto”) e periodi no (“Nei due anni di Valentino ero stato messo da parte”), chi se non l’a.d. di Borgo Panigale può spiegarci l’ascesa di un’eccellenza italiana? Questa seconda parte di Sportweek è tutta dedicata a Pitti Immagine Uomo 2023: dal 13 al 16 giugno, Firenze celebra il maschio nella sua versione più creativa, sfidante e piena di energia. Tanti ospiti, installazioni artistiche e, soprattutto, le anteprime Moda per la primavera-estate 2024. E anche Ibra ci parla del suo stile…

Precedente Salernitana, rubata la macchina di Ribery: tutti i dettagli Successivo "Non tifo più", giovane tifoso della Fiorentina rincuorato da Prandelli e Borja Valero