Pedro in scadenza: chiede tempo alla Lazio

ROMA – La maglia biancoceleste lo ha rinvigorito, gli ha dato nuove motivazioni. E gli è entrata nel cuore. La veste solo da un anno e mezzo, ma Pedro ha già creato un legame fortissimo con la Lazio. La sente come casa sua, ne ha sposato valori e modi di essere dell’ambiente, è diventato un idolo della tifoseria. Anche perché la scorsa stagione, quando è arrivato varcando il Tevere, ha vissuto una seconda giovinezza.

Elisir

Dal punto di vista realizzativo lo spagnolo è tornato a un rendimento vicino a quello mostrato con la maglia del Chelsea nella stagione 2018-2019 (guarda caso quella con Sarri in panchina, conclusa con la vittoria dell’Europa League). Sposare la causa biancoceleste gli ha consentito di togliersi parecchi sassolini dalla scarpa, uno in particolare, molto fastidioso, che gli era rimasto dall’esperienza precedente sull’altro lato della Capitale, dove era stato considerato “di troppo” dopo l’arrivo di Mourinho. Insomma, ha trovato la situazione ideale per proseguire ad alto livello una carriera che gli ha già permesso di vincere da protagonista tutto quello che si può vincere.

Lazio, l'esultanza 'pazza' di Pedro: un gol per tutto l'Olimpico

Guarda la gallery

Lazio, l’esultanza ‘pazza’ di Pedro: un gol per tutto l’Olimpico

Contratto

Il suo contratto però è in scadenza al termine della stagione in corso e ancora non è stato deciso cosa succederà in quella dopo. Ci sarebbe un’opzione in favore del club biancoceleste per rinnovare di un anno in automatico, ma la decisione sarà presa in ogni caso insieme al giocatore: «Non lo so – ha detto al termine del match perso con la Juventus a Torino – se resterò qui anche il prossimo anno. Non mi va di dire adesso “sì”, perché poi magari vengono prese scelte differenti. Ho parlato di recente con il presidente, gli ho detto che stiamo lavorando bene e che non è il momento di parlarne. Sicuramente entro i prossimi tre mesi affronteremo l’argomento». Non vuole prendere decisioni affrettate, non ce ne sarebbe motivo. Nell’estate che verrà compirà 36 anni e la sua idea è quella di avvicinarsi verso casa, a Tenerife, per la parte finale della sua carriera. E un’altra opzione è rappresentata poi dagli Emirati Arabi, che a più riprese hanno sondato il terreno per capire se ci fosse la possibilità di un suo “cameo” da quelle parti mettendo sul piatto offerte milionarie. Si vedrà più avanti, non c’è fretta di decidere. Oggi Pedro si vuole solo godere la sua Lazio. E se si creeranno i giusti presupposti, magari con qualche soddisfazione extra al termine del campionato, chissà…

Immobile e Zaccagni ricordano Maradona: "E' stato un Dio"

Guarda il video

Immobile e Zaccagni ricordano Maradona: “E’ stato un Dio”

Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Precedente Serie A, la Top 11 Opta 2022: dominano Napoli e Milan Successivo "Ronaldo, suggestione Bundesliga: Mendes incontra i vertici del Bayern"

Lascia un commento