Parte la Coppa d’Africa. E per le star non è mai stata un’opzione

Comincia domani la Coppa che tanto disturba i grandi club, privati dei loro giocatori anche per 50 giorni nel bel mezzo della stagione. Ma l’attaccamento alla maglia della propria nazionale per i vari Koulibaly e Salah è più forte delle logiche europee. Anche se talvolta ci sono interessi diversi…

Fare il calciatore africano è sempre stato un mestiere complicato. Le difficoltà iniziali sono sempre molto elevate, nonostante col passare degli anni siano migliorate le comunicazioni, lo scouting e la visibilità. In ogni caso se si vuole far carriera l’obbligo di doversi trasferire in Europa il prima possibile persiste.

Precedente Allegri: "La squalifica? Ci sta. A Roma farò dei cambi" Successivo "Djokovic ha avuto il Covid a dicembre"/ Avvocati: "È esente da obbligo vaccinale"

Lascia un commento