Parma, Zirkzee si presenta: “Mi ispiro a Ronaldinho e Gullit”

L’attaccante del Parma Joshua Zirzkee, arrivato dal Bayern nell’ultima sessione di mercato, è stato presentato al Centro Sportivo di Collecchio. Ecco le sue parole:

“La passione tipica del calcio italiano mi è nota, così come conosco la tifoseria del Parma, che è molto importante. Le sfide da fronteggiare sono diverse, ma ritengo di poter dare un contributo facendo del mio meglio. Il passaggio dal calcio tedesco potrà essere un po’ difficile, ma farò di tutto per adattarmi ai nuovi ritmi del campionato italiano”.

“Ronaldinho è stato un modello, poi essendo olandese gente come Gullit, Van Basten, Rijkaard sono altri nomi ai quali mi sono ispirato. In realtà sono molti i giocatori che per me sono stati un modello, sarebbe limitativo citarne solo alcuni”

“Tra i miei punti di forza c’è la mia fisicità, essendo alto e robusto; ho buone capacità nel giocare con il pallone, posso contribuire anche con le mie capacità di passaggio e tiro. Il mio arrivo qui è stato molto positivo, mi sento come in famiglia, la città mi piace molto ed è il luogo perfetto per poter crescere e migliorare. Darò il mio 100% e sono convinto che se tutti ci impegneremo insieme sarà possibile evitare la retrocessione. La lingua può rappresentare una piccola barriera, ma i ragazzi mi stanno aiutando nel comunicare anche con il Mister. Le mie ambizioni sono tante, conto di realizzarle

“Parma è una grande città, nota per la cucina e che anche io apprezzo. La scelta che mi ha portato qui è la possibilità di crescere e maturare rispetto a quanto mi fosse possibile al Bayern; lavorerò per giocare il più possibile. La prossima partita sicuramente è importante, vedremo con il Mister se sarò già presente in campo o meno, non gioco da diverso tempo, cominceremo a capirlo già dagli allenamenti in settimana. Mentalmente mi sento pronto per dare il mio 100%”

Parma
Parma, getty

<!–

–> <!–

–>

Precedente Torino, Cairo: "Rinnovo Belotti? Lui deve essere convinto" Successivo Inter, tutti utili ma due indispensabili: quanto sono mancati Hakimi e Lukaku...

Lascia un commento