Parigi-Bercy, Djokovic già ai quarti: ora Fritz, che può essere un’insidia

Il numero 1 al mondo non è sceso in campo agli ottavi per l’infortunio di Gael Monfils, mentre l’americano ha superato tre turni ostici. I precedenti sono tutti a favore di Nole

Il numero 1 al mondo non è sceso in campo agli ottavi per l’infortunio di Gael Monfils, mentre l’americano ha superato tre turni ostici. I precedenti sono tutti a favore di Nole Novak Djokovic è già ai quarti di finale del Masters 1000 di Parigi-Bercy. Il numero 1 al mondo ha giocato solamente una partita nel torneo: quella al secondo turno contro Marton Fucsovics, con la vittoria in tre set a 51 giorni di distanza dalla finale degli US Open persa contro Daniil Medvedev. Il serbo non è sceso in campo nel primo turno in virtù della testa di serie numero 1 e non ha giocato contro Gael Monfils per il ritiro del francese prima ancora di scendere in campo: et voilà, il rientrante Djokovic è già avanti nel tabellone. Per il serbo ora c’è la sfida a Taylor Fritz, numero 26 al mondo.

Fritz

—  

Prosegue l’ottimo momento di forma dello statunitense, reduce dalla finale persa a San Pietroburgo contro Marin Cilic al terzo set. Il 24enne ha vinto tre partite tutt’altro che scontate in questa edizione di Parigi-Bercy: successi contro Lorenzo Sonego, Andy Rublev (numero 5 al mondo) e Cameron Norrie (numero 11 della Race). Ma a Fritz manca ancora il primo titolo quest’anno e la prima vittoria in un Masters 1000 in carriera: l’unico successo è arrivato sull’erba del torneo 250 di Eastbourne nel 2019, in finale contro Sam Querrey.

I precedenti

—  

Novak Djokovic e Taylor Fritz si sono affrontati complessivamente quattro volte in carriera. Il bilancio è secco: 4-0 in favore del serbo. Quest’anno sono stati due i confronti: al terzo turno degli Australian Open, con la sudata vittoria in cinque set del numero 1 al mondo, visibilmente provato da problemi fisici; agli Internazionali d’Italia, con il successo per 6-3 7-6. Nelle precedenti occasioni, i due giocatori si erano affrontati nel 2019 a Monte Carlo e Madrid, sempre sulla terra battuta: 6-3 6-0 e 6-4 6-2. Insomma, ultimamente Djokovic ha fatto più fatica contro Fritz. E l’americano ha dalla sua un momento di forma invidiabile, mentre il serbo deve ritrovare la condizione dopo la pausa durata quasi due mesi. Non solo: quella di Parigi-Bercy sarà la prima sfida indoor tra i due. Ulteriore motivo di interesse.

Precedente DIRETTA/ Legia Napoli video streaming tv: l'arbitro sarà Lawrence Visser Successivo Rooney ci nacque, Pogba si compra, Griezmann ci vince: perché il calcio ama Football Manager

Lascia un commento