Paradosso Dortmund: più soldi in caso di sconfitta in Champions?

Situazione inverosimile quantomeno dal punto di vista economico, quella verso cui si dirige il Borussia Dortmund. La squadra giallonera, tornata in finale di Champions League dopo la sconfitta rimediata 13 anni fa contro il Bayern Monaco, affronterà il Real Madrid il prossimo 1 giugno, in uno scenario economico davvero particolare. Il Dortmund potrebbe infatti guadagnare più soldi in caso di sconfitta contro i blancos, rispetto a quanto percepirebbero battendo i campioni di Spagna. Scenario davvero molto strano quello in cui si ritroverà il Borussia, che cercherà di vendicare l’ultima finale persa, ottenendo la seconda Champions League in assoluto.

Gira tutto attorno a Bellingham

Il protagonista di questa storia è Bellingham, che nell’ultima sessione di calciomercato ha scambiato la casacca giallonera con quella bianca del Real Madrid. Il trasferimento monstre che portò nelle casse del Borussia Dortmund 103 milioni di euro, potrebbe alimentare ulteriormente il ricavo economico del club tedesco. In caso di sconfitta nella finale di Champions, i gialloneri incasserebbero 25 milioni di euro da una clausola presente all’interno del contratto di Jude, che fa capo alla vittoria della Champions del giovane talento inglese con la maglia dei blancos. A questa somma, si andrebbero ad aggiungere anche i 15 milioni previsti per il secondo classificato nella competizione europea. Discorso inverso in caso di vittoria della Champions, scenario in cui il Borussia otterrebbe il premio da 20 milioni di euro e la Coppa dalle grandi orecchie. Il secondo è sicuramente un contesto migliore, in cui il Borussia auspica di ritrovarsi

A volte ritornano

Il talento inglese ritroverà in finale di Champions League proprio la squadra con cui ha esordito nel calcio che conta e soprattutto nel panorama calcistico europeo: il Dortmund. Dopo una stagione superlativa in maglia giallonera, Bellingham sta addirittura andando oltre quanto aveva già fatto vedere, ricoprendo molteplici ruoli nella formazione di mister Ancelotti che l’hanno portato a realizzare 22 goal e 10 assist in 39 partite. Numeri da fuoriclasse dunque per il futuro della nazionale inglese, nonché tra i giovani più affermati nel panorama calcistico mondiale, che potrebbe ostacolare la strada verso la vittoria della Champions proprio alla sua ex squadra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Immobile e Luis Alberto tornano decisivi: sirene di mercato più lontane Successivo Aebischer prima di Napoli-Bologna: "Per noi un bene affrontare le big"

Lascia un commento