Pagelle Napoli: Lobotka ci prova, Lindstrom flop

Calzona (all.) 5,5 
Xavi piazza la variabile Fermin tra le linee, come all’andata aveva fatto con Gündogan, e il Napoli soffre le pene dell’inferno nella prima parte. La squadra, però, non si sgretola, riprende le misure e sul 2-0 trova la forza di reagire sfruttando l’asse destro: segna e comincia a prendere campo e fasce, ma spreca troppo. E contro il Barça e i suoi campioni, beh, paghi pegno. I suoi uomini copertina, invece, questa volta non l’hanno aiutato.  

Meret 6,5 
Nei primi 17 minuti vive un horror: tiri, pali, 2 gol. Assediato. Bravo due volte su Raphinha, decisivo su Lewandowski e Gündogan. Impiccato sul tris di Lewa.  

Di Lorenzo 5 
In ritardo su Cancelo nel gioco del vantaggio del Barcellona, nel frullatore sul bis. Soffre Raphinha e le incursioni del portoghese, ma al primo alito di vento ricama nel 2-1 e sfiora il pari di testa.  

Rrahmani 5,5 
Disorientato da Lewandowski sul flipper dell’1-0. Ma è lui a riaprirla con un’azione fotocopia del gol con il Sassuolo: imposta e chiude di sinistro, lui che è destro. Lewa lo incendia sul più bello al primo pallone. Nel momento della speranza.  

Juan Jesus 5 
Frastornato a centro area in occasione del micidiale uno-due del Barça (sul primo gol è in ritardo). Poi viene un po’ fuori contro Lewa e Yamal, ma la sentenza è dietro l’angolo.  

Mario Rui 5 
I primi 45 minuti con Yamal, 16 anni dinamite, sono a rischio esplosione: apnea perenne. Meglio in fase offensiva.  

Olivera (19’ st) 5 
Debutto contro Lamine: fallo, giallo, tilt. Incisivo in attacco: cross perfetto per il pari sprecato da Lindstrom e traversa nel finale. 

Precedente Juve scatenata, ne prende quattro: c’è anche un grande ritorno Successivo Moviola Barcellona-Napoli, abritro mediocre e disastroso: su Osimhen era rigore!