Orari Coppa Italia, date e format: è il Monza il più penalizzato

TORINO – E la giocarono tutti infelici e scontenti. Questa Coppa Italia, così com’è, sembra davvero non piacere a nessuno, anche se poi una volta in campo tutti vogliono vincerla. Non ha esitato José Mourinho a definirla la «peggior coppa d’Europa», per esempio. Puntando il dito su un format che non tutela le piccole, consegnando alle squadre sulla carta più forti (perché meglio classificate nella stagione precedente o perché di categoria superiore) pure il vantaggio di giocare in casa la sfida a eliminazione diretta: «Non protegge i più piccoli. Se fossi una squadra di livello inferiore, non vorrei giocarmela», l’analisi dello Special One. Ma non è solo questo il problema. Perché calendario alla mano, anzi orologio alla mano, ci sono degli effetti anche sul campionato che rischiano di condizionare ulteriormente le scelte delle squadre tra Coppa Italia e serie A, da sempre ritenuta prioritaria a maggior ragione da quei club che non possono permettersi di lasciare per strada nemmeno un punto. E quell’inizio ritardato rispetto a tutte le altre leghe principali, soprattutto la Premier, con l’Italia nemmeno impegnata al Mondiale continua a stridere sempre più.

Le 66 ore del Monza

Serpeggia preoccupazione per non dire fastidio per questo calendario compresso, per di più in una settimana dove la Supercoppa impone il riposo di mercoledì con ben tre partite di Coppa Italia in programma giovedì. Chiude il programma Juventus-Monza, fischio d’inizio alle 21: parte poi la corsa contro il tempo per preparare i match della domenica, con i brianzoli chiamati a una sfida salvezza contro il Sassuolo già alle 15, tra un fischio d’inizio e l’altro passeranno appena 66 ore. Pochi giri di lancetta in più a disposizione per la Juve prima di sfidare l’Atalanta, a sua volta impegnata in Coppa Italia giovedì con lo Spezia ma alle 15: il gruppo di Allegri avrà 71 ore e 45 minuti a disposizione, quello di Gasp 77 e 45 minuti. Mentre lo Spezia ospiterà la Roma alle 18 in campionato, 75 ore dopo gli ottavi di Coppa Italia con i bergamaschi. Meno impattante Lazio-Bologna in programma giovedì alle 18: questo perché i biancocelesti ospiteranno il Milan solo martedì prossimo, mentre il Bologna giocherà lunedì con la Cremonese (oggi impegnata a Napoli, poi in campo sabato contro la Salernitana).

Precedente Orgoglio Pioli: “Il Milan non ha la pancia piena”. E su Ronaldo in Arabia... Successivo Pioli e la "bomba" di mercato su Buffon che va al Milan

Lascia un commento