Oltre la coppa c’è di più. Juve-Genoa, che intrecci sul mercato

Il match non si gioca solo sul campo. La Juventus è infatti pronta ad accogliere Rovella e vorrebbe anche Scamacca. I rossoblù aspettano i giovani Portanova e Petrelli

ROVELLA E SCAMACCA

—  

Come detto Rovella è pronto a legarsi alla Juventus, anche se rimarrà in Liguria almeno fino a fine stagione, con una possibilità di restarci fino all’estate 2022. Essendo in scadenza di contratto, i bianconeri hanno potuto trattare con il Genoa proprio facendo forza sull’eventuale svincolo a parametro zero tra qualche mese. Un investimento in ottica futura che ricorda quello di Rolando Mandragora nell’estate del 2016, anche lui 19enne in quel momento e anche lui centrocampista. Per Scamacca il discorso è diverso, perché è in prestito secco dal Sassuolo, ma al Genoa è scivolato nelle gerarchie di attacco dietro a Destro e Shomurodov nonostante i 6 gol stagionali tra Coppa Italia e Serie A. E a proposito, non è da escludere che in una di queste sedi di contrattazioni i bianconeri non facciano un primo sondaggio proprio per la punta uzbeka…

TRA FUTURO E PASSATO

—  

Sull’asse per l’affare Rovella, due giovani sono molto vicini a percorrere la tratta in senso inverso: Portanova e Petrelli. Il primo ha mostrato qualità interessanti come centrocampista e trequartista, ma non ha trovato molto spazio fino a ora e Genova potrebbe essere una piazza adatta per uno spicchio più consistente di palcoscenico. L’attaccante 19enne, invece, ha disputato un’ottima prima metà di annata con l’Under 23, registrando 5 reti e 4 assist in Serie C e sta per approdare al Genoa in ottica futura: verrà probabilmente girato in prestito in Serie B. Insomma, Genova e Torino sono attualmente molto più vicine delle due ore di autostrada che le dividono e i cambi di maglia in entrambi i sensi hanno precedenti illustri nel passato, sia remoto (per esempio Fortunato e Tacconi), sia più prossimo (Immobile, Criscito, Palladino, Toni, Perin, Sturaro, Rincon, Romero, Favilli, Pjaca…). Non solo un ottavo di finale.

Precedente Kluivert: "Ritorno alla Roma? Al Lipsia sto bene. Forse resto più a lungo" Successivo Non solo Eriksen: da Pirlo a Verratti, quando fare un passo indietro cambia vite e carriere

Lascia un commento