Ok Az Alkmaar, Basilea e Dnipro. Colpo Sivasspor, flop Slovan

Gli olandesi si tengono stretta la vetta del girone, i turchi sbancano Cluj, gli slovacchi cadono in Armenia

Le squadre dei principali campionati d’Europa scendono in campo alle 21. La seconda giornata della fase a gironi di Conference League, però, è iniziata alle 18.45 con le gare valide per i gruppi E, F, G e H. Il pomeriggio si chiude senza neppure un pareggio: vincono Az Alkmaar e Dnipro, Djurgardens e Gent, Slavia Praga e Sivasspor, Basilea e Pyunik.

Gruppo E

—  

L’AZ Alkmaar si tiene stretta la vetta del girone, vincendo 4-1 contro il Vaduz. Al 19’ apre le marcature Barasi, centravanti classe 2003, ma il vantaggio degli olandesi dura appena 3’: Goelze riporta subito i liechtensteniani in parità con un tiro dal limite su assist di Cicek. L’AZ si rialza nel finale di gara: Beukema, dimenticato al centro dell’area dai difensori avversari, salta più in alto di tutti e, di testa, regala tre punti ai suoi. Il Vaduz accusa il colpo, l’AZ dilaga nel recupero con le reti di Sugawara e Kerkez. Nello stesso gruppo, il SC Dnipro vince 3-1 in casa dell’Apollon Limassol: segnano Rubchynskyi, Dovbyk e Busanello, nella ripresa Pittas timbra, in spaccata, il gol della bandiera per i ciprioti.

Gruppo F

—  

Il Molde perde 3-2 in Svezia, piegandosi nel recupero all’assalto del Djurgardens. Al 39’ Fofana sblocca il match su calcio di rigore, assegnato per fallo di Lofgren su Brynhildsen. Nella ripresa, gli svedesi ribaltano il punteggio: Doumbouya pareggia con un’incornata a un passo dalla linea di porta, al 57’ proprio Fofana è espulso per doppia ammonizione. Il 2-1 nasce da un’intuizione di Eriksson, che sorprende la difesa avversaria con una punizione dal limite battuta velocemente. Il 32enne serve Banda in area, che supera il portiere avversario con un tiro centrale. Il Molde non si arrende, al 77’ pareggia con Berivik ma poi pasticcia in difesa. In pieno recupero il Durgardens segna infatti il definitivo 3-2, frutto di una serie di rimpalli e della zampata vincente di Asoro. Gli svedesi volano in cima al gruppo F a pari punti con il Gent, vittoriosi per 3-0 contro lo Shamrock Rovers. Già al 9’ di gioco, l’ex milanista Hauge e compagni mettono la gara in discesa. Cuypers firma subito l’1-0, al 18’ raddoppia Odjidja-Ofoe. Il belga è in ottima forma e, nella ripresa, trova la doppietta personale con una bordata che finisce sotto al sette.

Gruppo G

—  

Lo Slavia Praga passa contro il Ballkani dopo un match (anzi, un tempo) ricco di emozioni. I primi 20’ sono piuttosto equilibrati, poi Krasniqi apre le danze in favore degli ospiti. Jurasek pareggia al 26’, Korenica fa 1-2 tre minuti più tardi. I cechi si rialzano con Olayinka e Masopust, a fine primo tempo il risultato è già di 3-2. Dopo l’intervallo succede quasi nulla, lo Slavia porta a casa un successo prezioso. È decisamente meno movimentato il match tra Cluj e Sivasspor, terminato sul punteggio di 0-1: ai turchi basta il gol di Max Gradel, su calcio di rigore, al 28’.

Gruppo H

—  

I lituani dello Zalgiris resistono per un’ora prima di cedere alle giocate dei baby talenti del Basilea. Mamic sfiora persino l’1-0 ma colpisce la traversa, al 62’ Zeqiri porta avanti i rossoblù con una rete da vero centravanti: Males arriva sul fondo di destra con un’ottima giocata, poi pesca in mezzo all’area il bomber 23enne. La girata di Zeqiri vale tre punti per il Basilea, che conquista così la vetta solitaria del girone. Nulla da fare, invece, per lo Slovan Bratislava di Kucka, che va ko in Armenia contro il Pyunik. I padroni di casa segnano due gol in un minuto, tra il 35’ e il 36’ con Dashyan e Otubanjo.

Precedente Allegri nel mirino: i capi d’accusa dei tifosi della Juve Successivo L'Helsinki in 10 regge un tempo, poi entra Dybala. E fa volare la Roma

Lascia un commento