Numeri e carattere: tutto quello che aveva l’Inter di Conte e non ha quella di Inzaghi

In un momento di difficoltà la squadra nerazzurra finisce spesso per essere paragonata a quella dell’ultimo scudetto: filosofie e gioco diversi con alcuni punti in comune

Quel 3-5-2 simile soltanto sulla carta non ha mai tratto in inganno nessuno: l’Inter di Simone Inzaghi è ben diversa da quella di Antonio Conte. I due allenatori sono infatti figli di filosofie di gioco diverse e chiedono ai propri calciatori di interpretare differentemente alcuni ruoli, quindi la continuità di modulo non ha quasi mai conciso con quella dei dettami tattici.

Precedente Di Francesco: "Dal Barça agli esoneri, il calcio è senza memoria. Ma io ho fatto errori" Successivo Allegri out? Meglio di no… La Juve, tra stipendi e sostituto, sborserebbe 80 milioni

Lascia un commento