Non solo Skriniar e Zaniolo: quando il mercato mandò in tilt Baggio e Weah

Prima l’errore, poi le scuse. Che, di solito, suonano più o meno così: “Non siamo dei robot, ma semplici esseri umani”. Della serie: anche noi possiamo sbagliare. La sconfitta dell’Inter contro l’Empoli è figlia (soprattutto) di un episodio-chiave: l’espulsione di Skriniar prima dell’intervallo. Milan lascia il campo con la fascia al braccio e la testa al futuro, annebbiata dalle sirene francesi del Psg. Niente di nuovo: di certo, lo slovacco non è il primo calciatore che è condizionato sul campo dalle voci di calciomercato. Ci è passato persino qualche Pallone d’Oro, finito nel mirino dei propri tifosi…

Precedente Il futuro della Juve e l’intesa tra Allegri e la società Successivo Udinese, visite mediche per Sekou Diawara

Lascia un commento