Non solo il precedente del ’58: l’Italia non ha mai vinto in Irlanda del Nord

Tre partite, due pareggi e la fatale sconfitta di 63 anni fa. Gli azzurri si giocano l’accesso ai Mondiali in Qatar a Belfast

Ci si gioca tutto a Belfast. Dopo il pareggio interno contro la Svizzera, con il rigore fallito da Jorginho nel finale, l’Italia deve sudarsi la qualificazione ai prossimi Mondiali all’ultima giornata: l’appuntamento è in Irlanda del Nord, mentre gli svizzeri scenderanno in campo in contemporanea in casa contro la Bulgaria. In caso di vittoria di entrambe le nazionali, si dovrebbe guardare alla differenza reti: l’Italia parte con il vantaggio di due gol.

I RISULTATI

—  

Dopo il trionfo agli Europei, con la vittoria dell’11 luglio in finale contro l’Inghilterra, l’Italia ha vinto solamente due partite su sei, contro la Lituania (5-0 nelle qualificazioni a Qatar ’22) e il Belgio (2-1 nella finale 3°/4° posto della Nations League). Poi tre pareggi – i due con la Svizzera e l’1-1 interno contro la Bulgaria – e la sconfitta per 2-1 contro la Spagna nella semifinale di Nations League. Come sta l’Irlanda del Nord? Nell’ultimo turno di qualificazione è arrivata la vittoria per 1-0 contro la Lituania grazie all’autogol di Benas Satkus nel primo tempo. In precedenza erano arrivate due sconfitte consecutive: 2-0 in casa della Svizzera e 2-1 in Bulgaria. La nazionale allenata da Ian Baraclough è terza con otto punti, a pari merito proprio con la formazione bulgara.

I PRECEDENTI

—  

Italia e Irlanda del Nord si sono affrontate dieci volte nella loro storia, considerando anche le partite amichevoli: il bilancio è nettamente favorevole agli azzurri, che hanno trovato il successo in sette occasioni a fronte di due pareggi e di una sconfitta. Il match d’andata si è disputato il 25 marzo al Tardini di Parma: 2-0 con le reti di Domenico Berardi e Ciro Immobile, entrambe nel primo tempo. Il dato preoccupante per l’Italia è che non è mai arrivata la vittoria in Irlanda del Nord: 2-2 in amichevole il 4 dicembre ’57, sconfitta per 2-1 nelle qualificazioni ai Mondiali il 15 gennaio ’58 (fatale per il mancato accesso alla Coppa del Mondo) e 0-0 nelle qualificazioni a Euro 2012. Sette vittorie su sette, invece, per le partite in casa.

Precedente Juve sul mercato? Prima serve vendere. E Rabiot è tra i cedibili Successivo Pagelle Juve: Locatelli già padrone, Kean manca all’appello

Lascia un commento