Nicolato: “Tonali, Ricci e Rovella le nostre stelle. Le Olimpiadi? Un sogno”

Gli azzurrini giocheranno contro il Montenegro a Vicenza, a “casa” del c.t., la seconda partita di qualificazione all’Europeo 2023 (che darà accesso anche ai Giochi 2024): “Ci metteranno alla prova. È la partita giusta per questo momento…”

Dal nostro inviato  Alex Frosio

6 settembre – Vicenza

Dall’ammirazione per il Real Vicenza al sogno Olimpiade. Per Paolo Nicolato questa non è una partita come le altre. La sua Under 21 sfida il Montenegro nella seconda partita di qualificazione all’Europeo 2023 – quello che darà accesso ai Giochi 2024 – e lo fa al Romeo Menti. Che per il c.t. degli azzurrini è “casa”. È nato a Lonigo, meno di trenta chilometri da qui: “Sono legato alla mia terra, ho tutti i parenti qui: parlare di questo non è così importante, però è chiaro che per me entrare in quello stadio dove hanno giocato i miei idoli da giovane, come Paolo Rossi, è un effetto particolare. Sarebbe bellissimo avere un pubblico numeroso, c’è bisogno: i ragazzi hanno bisogno di entusiasmo intorno, giocare in stadi vuoti ha rallentato la loro crescita. Entusiasmo e divertimento sono parte integrante del nostro mestiere”. Ci sono sempre “i ragazzi” al centro dei pensieri del c.t. Che non manca mai di ricordare la poca esperienza dei suoi – contro Lussemburgo hanno giocato quattro 2002 e quattro 2001, ragazzi che, causa pandemia, da ottobre 2019 non si confrontavano sul piano internazionale per via dello stop ai vari tornei giovanili – ma ha anche sempre l’attenzione nel definire e costruire “il gruppo”. Quello dell’ultimo biennio è un esempio da seguire, anche se si è fermato nei quarti dell’Europeo.

l’obiettivo

—  

Stavolta l’obiettivo è ancora più grosso: il 2023 assegnerà un posto alle Olimpiadi, dove l’Italia manca da Pechino 2008. E la risposta di Nicolato a specifica domanda è significativa: “Non è responsabilità ma un sogno arrivare alle Olimpiadi: per uno sportivo come me che arriva dal niente andare alle Olimpiadi è un sogno. È una cosa che ci siamo detti il primo giorno. È uno dei motivi per cui mi trovo qui. Per andare alle Olimpiadi significa vincere il girone, arrivare in semifinale. Non è facile. Ma sognare è gratis e le cose gratis le facciamo volentieri”.

gli uomini

—  

Il cammino è solo all’inizio e, dopo i tre punti con il Lussemburgo, c’è il più impegnativo Montenegro, che ha già giocato tre partite (una vittoria, un pari e una sconfitta). “Sarà una partita molto diversa, il Montenegro ha già un’anima da squadra, aggressiva, con buona gamba e con carattere. Ci metteranno alla prova. È la partita giusta per questo momento”. Nicolato ha perso Piccoli e convocato per l’attacco il gigante Lucca e Mulattieri. Ma nella prima partita ha già trovato certezze in Cancellieri e buone indicazioni da Colombo e Yeboah. Il vero punto fermo, al di là del sistema di gioco (probabile la conferma del 4-3-3, forse ancora più definito), è la mediana a tre, che dà spazio alle tre stelline di questa Under 21: Tonali, Ricci e Rovella. “Non possiamo privarcene finché non avremo qualcuno che cresce alle loro spalle, magari con caratteristiche differenti. Nella prima partita abbiamo commesso errori facili da vedere: abbiamo lavorato per correggerli e per quanto possibile speriamo di non farli più. Ne faremo altri, ma cerchiamo di progredire di volta in volta”. In difesa, torna Lovato, che ha saltato il Lussemburgo per squalifica.

Precedente Dal Brasile: "Pelé è ricoverato in ospedale da una settimana" Successivo Salernitana, Ribery: "Darò il mio meglio per ottenere la salvezza"

Lascia un commento