Nelle valli di Bergamo c’è un pezzo d’Africa che gioca a pallone

Sul lago d’Iseo, a Foresto Sparso, c’è una splendida realtà di integrazione e calcio. Un club tutto africano, dalla dirigenza ai calciatori. Mister Ndiaye: “Con noi i ragazzi evitano strade sbagliate, li aiutiamo a trovare casa e lavoro”. E da qui passò anche Coulibaly (Salernitana)

La distinta sembra quella di una Nazionale africana. E invece si tratta di una squadra bergamasca. Tra i titolari ci sono Samb, Gueye, Sylla, Ba, Thiam, quattro Diop e due Ndiaye, in panchina Thioune, Diouf, Cisse, Ben Hadda, Gningue, Sall, De Vincentis e altri due Diop. È una delle formazioni schierate, quest’anno, dal Foresto Sparso Sen Academy, girone E di Seconda categoria. A tinte africane dallo staff ai giocatori. “Il presidente, la maggioranza dei calciatori ed io siamo senegalesi, ma ci sono anche tesserati originari da Marocco, Tunisia, Ghana, Costa d’Avorio e Zambia – racconta Bassirou Ndiaye, 39 anni, allenatore del Foresto Sparso Sen Academy -. La squadra è composta perlopiù da residenti nelle provincie di Bergamo e Brescia”.

Precedente Endt: "Inter, Onana può diventare un pilastro. Talentuoso ma spericolato" Successivo CALCIOMERCATO LAZIO/ Fares vicino al Torino, Milinkovic-Savic non esclude l'addio

Lascia un commento