Nel girone B il Perugia vola e Zeman sorride. Nel Girone C la Juve Stabia torna a correre

Nel Girone A tre pareggi in tre gare. Quarto successo di fila per gli umbri. Il Pescara di Zdenek affonda il Sestri Levante e si piazza dietro al trio di testa

Pietro Scognamiglio

27 gennaio 2024 (modifica alle 23:30) – MILANO

Ecco quanto accaduto nel sabato di Serie C, con tutti e tre i gironi protagonisti.

girone a

—  

Nello 0-0 tra la Pro Patria e un’AlbinoLeffe in emergenza, il migliore in campo è il portiere ospite Marietta con le sue parate su Ndrecka e Stanzani nel primo tempo. Senza reti anche Alessandria-Arzignano, con i grigi che non segnano da 550 minuti e restano ancorati all’ultimo posto. Il tris di pareggi di giornata si chiude con l’1-1 di Fiorenzuola-Lumezzane, maturato tutto nel primo tempo: al vantaggio di Sussi risponde per i bresciani Ilari. Nel programma domenicale il Padova (a Novara) e la Triestina (che riceve la Pergolettese) sono chiamate a rispondere alla fuga in vetta del Mantova, alimentata dal successo sulla Giana nell’anticipo del venerdì (2-0, Fiori e Mensah).

girone B

—  

Continua la corsa al terzo posto del Perugia di Formisano: la quarta vittoria di fila arriva a Pontedera (3-2), con la doppietta da ex di Mezzoni preceduta dal gol di Sylla (i toscani hanno accorciato due volte, con Guidi a inizio ripresa e Delpupo nel finale). E’ in un buon momento anche il Pescara di Zeman, al secondo successo di fila che vale il quarto posto provvisorio: all’Adriatico il 3-0 sul Sestri Levante lo griffano Cuppone – bomber che ha tanto mercato –, Merola e il difensore Di Pasquale al secondo gol consecutivo. Nell’1-1 tra Entella e Vis Pesaro due gol nei finali di tempo: a Tomaselli, a segno prima dell’intervallo, risponde per la Vis l’islandese Karlsson a firmare il nono risultato utile consecutivo.

girone C

—  

La prima vittoria del 2024 per la capolista Juve Stabia arriva a Potenza: 3-1 con la doppietta di testa del nuovo arrivato Adorante (ex Triestina) e il tris di Erradi, senza validi accenni di reazione dei lucani a segno troppo tardi con Volpe. Tornata solida e convincente, la capolista sorride anche perché guadagna punti su tutte le inseguitrici già scese in campo. Il Picerno – che comunque ha una partita in meno – si fa raggiungere sull’1-1 dal Giugliano, con Caldore che replica in pieno recupero al vantaggio su punizione di Maiorino. Stesso risultato per la Casertana, che torna a muovere la classifica dopo due sconfitte ma fa soltanto 1-1 col Latina: anche qui una punizione (quella di Anastasio) rompe l’equilibrio, nel secondo tempo pareggia Ercolano. Clamoroso ribaltone in Cerignola-Crotone: finisce 4-2, all’intervallo il doppio vantaggio (autorete di Gonnelli e D’Ursi) sembra dare certezze alla squadra di Zauli, che però finisce poi travolta da Malcore e dalla tripletta di uno scatenato Filippo D’Andrea. Emozioni fino alla fine anche in Turris-Messina (2-2): avanti due volte con Nocerino e il neo arrivato Jallow, i padroni di casa – guidati per la prima volta in panchina da Menichini – vengono raggiunti prima da Rosafio, poi da Emmausso in pieno recupero. Lo 0-0 tra Monterosi e Brindisi, ultima e penultima, serve poco a entrambe.

Precedente Pioli: "Leao mi ha detto che il prossimo rigore lo vuole tirare lui..." Successivo Giroud, che succede con i rigori? Ora gli errori iniziano a pesare

Lascia un commento