Nava jr, prima chiamata a San Siro e poi a casa in tram. Maignan garantisce per lui

La foto del 17enne portiere rossonero, figlio di Stefano e ieri in panchina coi grandi per la prima volta, ha fatto il giro del web. Per ora resterà aggregato alla prima squadra: lo manda Mike…

Qualcuno, con l’occhio più allenato degli altri, l’ha riconosciuto e l’ha fotografato. Foto che poi, superfluo dirlo, è diventata virale in poco tempo. La maggior parte delle altre persone invece l’ha scambiato per un tifoso qualsiasi, il classico ragazzo di 17 anni con la tuta sociale e giacca a vento del Milan. Ecco, non esattamente. Il ragazzo in questione era Lapo Nava, figlio d’arte (il papà è Stefano), portiere delle giovanili rossonere, che ieri era in panchina per Milan-Roma e che per tornare a casa ha preso il tram. Lo scatto finito sui social è questo e la storia è bella, distante anni luce dal mondo dei calciatori come lo conoscono tutti.

Serio e applicato

—  

Certo, Lapo è minorenne e non ha la patente, ma per un calciatore aggregato alla prima squadra, insomma, un passaggio probabilmente lo si rimedia. Lui invece è tornato a domicilio con i mezzi pubblici, con la testa immersa nei pensieri e nelle sensazioni della prima panchina con la prima squadra. Lui che gioca con l’Under 18, nemmeno in Primavera. Se è arrivato fino a San Siro è perché di talento ovviamente ce n’è parecchio. Chiaro, qualche concomitanza favorevole si è verificata. Plizzari infortunato di lunga data, poi è risultato indisponibile anche Jungdal e infine Tatarusanu è stato messo k.o.dal Covid. E così, assieme a Maignan e Mirante, è stato chiamato lui. Che ne pensano a Milanello? Solo un gran bene. Ragazzo super serio, e d’altra parte garantisce il papà. Ultimamente si sta allenando con la prima squadra, sotto lo sguardo attento e affettuoso di Dida e del suo staff. Lapo, poi, ha in Maignan un grande estimatore, pronto a dargli consigli e a seguirlo passo passo. Domenica a Venezia sarà ancora nella lista dei convocati. Ma stavolta a casa tornerà assieme ai compagni.

Precedente Lipsia-Mainz, solo un "Goal primo tempo" per i "Tori rossi" Successivo Diretta gigante Kranjska Gora/ Streaming video Rai: attesa per Marta Bassino

Lascia un commento