Nations League, dal 6 maggio in vendita biglietti Italia-Germania

MILANO – Dopo quasi sei anni torna una classica del calcio mondiale. Sabato 4 giugno lo stadio ‘Renato Dall’Ara‘ di Bologna (inizio ore 20.45) sarà teatro della sfida tra Italia e Germania, un duello che ha scandito la storia di questo sport. Sarà il primo impegno degli Azzurri di Mancini nella nuova edizione della UEFA Nations League. A partire dalle ore 12 di venerdì 6 maggio sarà possibile acquistare i biglietti per l’incontro per i possessori della carta Vivo Azzurro. La vendita libera prenderà il via alle ore 12 di lunedì 9 maggio. La FIGC prosegue la politica di prezzi popolari (si va dai 10 euro per le Curve agli 80 euro per la Poltrona), con tante agevolazioni riservate alle famiglie, ai giovani e agli Over 65.

Italia, Chiellini lascia: ecco la top 15 dei più 'anziani' di sempre

Guarda la gallery

Italia, Chiellini lascia: ecco la top 15 dei più ‘anziani’ di sempre

La storia di Italia-Germania

L’ultimo ItaliaGermania risale al 15 novembre 2016, quando le due nazionali si affrontarono in un’amichevole giocata a Milano e terminata 0-0. Nella storia dei precedenti spicca senza dubbio ‘La Partita del Secolo‘, l’entusiasmante semifinale della Coppa del Mondo 1970 vinta dagli Azzurri per 4-3 dopo i tempi supplementari. E poi la finale del Mondiale 1982, che consegnò all’Italia la terza stella, e la semifinale del Mondiale 2006, che gli Azzurri vinsero a Dortmund in casa dei tedeschi e che spalancò alla Nazionale di Lippi la strada verso il quarto titolo iridato. Italia e Germania si sono poi incrociate agli Europei del 2012 e 2016. Nel primo caso si sfidarono in semifinale, dove ancora una volta vinsero gli Azzurri, 2 a 1 grazie a una doppietta di Balotelli. Nel secondo l’incrocio avvenne ai quarti di finale, dove i tedeschi – che erano i Campioni del Mondo in carica – eliminarono l’Italia di Conte solo ai calci di rigore. 

Precedente Juve, allenamento a porte aperte: botta per Pellegrini Successivo Napoli, il ricordo della quinta Coppa Italia condiviso sui social

Lascia un commento