Napoli, Vergara stupisce Spalletti. L’agente: “Piedi per terra”

NAPOLI – L’unica nota positiva della batosta presa dal Napoli contro il Benevento è la prestazione di Antonio Vergara. Il centrocampista della Primavera ha ben impressionato in prima squadra, ma non si è montato la testa: “Io ero allo stadio – rivela il suo agente Davide Pinto ai microfoni di Rdio marte – l’ho sentito stamattina così come l’ho salutato ieri. Il ragazzo è tranquillo e concentrato sull’allenamento pomeridiano. Ovviamente sa che deve stare con i piedi per terra ma si è fatto conoscere dai tifosi che non avevano ancora apprezzato il ragazzo. Conosco il ragazzo da quando aveva 30 cm in meno – ricorda il procuratore – conosco le sue qualità e ha sorpreso le persone. Confermo che da quando c’è stato l’infortunio di Zielinski lui è stato aggregato in prima squadra, il ruolo e le caratteristiche sono gli stessi. Spalletti dispensa consigli quotidiani, sa che c’è da lavorare ma i presupposti sono questi lasciano ben sperare“.

Benevento, che goleada al Napoli! Spalletti travolto 5-1

Guarda la gallery

Benevento, che goleada al Napoli! Spalletti travolto 5-1

“La Primavera obiettivo primario”

Essere subentrato al posto dell’infortunato Zielinski ha avuto un sapore particolare, per Vergara. Il centrocampista polacco è infatti l’idolo del giovane azzurro, che ora tornerà con il gruppo della Primavera: “I giocatori di qualità – prosegue nella sua analisi l’agente – si possono adattare, ovvio che un centrocampo a 3 esalta di più le sue qualità per le spiccate doti offensive. Anche nel centrocampo a 2 però ieri si è destreggiato in mediano. Il suo idolo è proprio Zielinski. Il Napoli Primavera quest’anno fa il campionato di Primavera 1, il livello si è alzato, lui sa che può essere un leader. Il ragazzo al momento è un giocatore della Primavera e lì deve fare la differenza e dimostrare il suo valore. Poi l’annata è lunga, ci auguriamo possa avere altre chance di mostrare il suo valore in prima squadra“. Valore che proprio Vergara ha chiesto di quantificare al suo manager: “La prima cosa che mi ha chiesto – rivela Pinto – era di dargli un voto. Fa sorridere e fa capire al tempo stesso il profilo del ragazzo, molto serio ed equilibrato, viene da un’ottima famiglia. Si è preso la soddisfazione della serata ma sa bene che deve tornare con i piedi per terra. Alla fine gli ho dato un 7 pieno, considerato che era la prima esperienza tra i grandi. Lui e Ounas sono state le due note positive ma bisogna ridimensionare tutto: il Napoli era pieno di assenze e in quest’amichevole ha giocato con il freno a mano tirato“.

MisterCalcioCup, iscrizioni aperte: schiera la tua formazione, vinci viaggi in Europa e buoni Amazon. Partecipa, è gratis!

Precedente Colpo di stato in Guinea, Diawara torna a Roma Successivo Olsen duro: "La Roma non mi voleva, giusto andare via"

Lascia un commento