Napoli, un sogno per 4: Rrahmani, Kim, Anguissa e Kvaratskhelia, la Champions vi aspetta

I quattro ragazzi d’oro arrivati in estate grazie all’intuito del diesse Giuntoli pronti a un debutto molto speciale. E dopo aver convinto in campionato sono pronti al grande salto internazionale

L’emozione della prima volta, quella con la musichetta della Champions e l’urlo del Maradona che rimbomba per tutta la città: una prima mai vista prima, o almeno mai vista prima per quattro dei possibili titolari di mercoledì in Napoli-Liverpool.

ESAME

—  

I moschettieri azzurri sono pronti: Rrahmani, Kim, Anguissa e Kvaratskhelia. Storie diverse, accomunate dal brivido che proveranno al momento dell’ingresso in campo. Certo, l’esperienza in partite come questa fa la differenza ma vuoi mettere il desiderio di ben figurare alla prima assoluta su un palcoscenico così importante. Sarà un esame, l’ennesimo, da superare ma ci sarà tanta voglia di farlo nel migliore dei modi per dimostrare che chi ha puntato su di loro, vale a dire Cristiano Giuntoli, ha fatto bene.

CHE COLPI

—  

Già perché Rrahmani, Anguissa, Kim e Kvara sono i quattro colpi migliori in assoluto che il ds azzurro ha piazzato e di sicuro le “chicche” degli ultimi tre anni perché Rrahmani è sbarcato a Napoli quando in panchina c’era Gattuso e – dopo aver aspettato tanto (troppo) – prima di esordire è diventato il “nuovo Albiol”, al punto da essere lui il segreto di Koulibaly prima e di Kim poi. A Verona però la Champions poteva solo sognarla, proprio come Anguissa al Fulham, club dal quale è arrivato in prestito lo scorso anno a campionato già iniziato per poi essere riscattato a furor di popolo in estate.

INCREDIBILE MA VERO

—  

Pure Frank non aspetta altro che la Champions per consacrarsi al pari di Kim e Kvaratskhelia, le ultime perle azzurre. Entrambi hanno scelto Napoli proprio per fare uno step di crescita e sentire quel celebre ritornello. Entrambi hanno fatto faville sin qui in campionato ma non hanno ancora provato l’ebbrezza di una sfida come quella di mercoledì. Entrambi, incredibile ma vero, fanno ora paura ai Reds. Inimmaginabile appena due mesi fa.

Precedente Roma, l'ora del Gallo: Belotti con il Ludogorets per sfidare Abraham Successivo Una stagione mai vista: le rose, i movimenti e le formazioni tipo delle 20 di Serie A

Lascia un commento