Napoli, Taglialatela: “Scudetto? Ci credevo. Meret? Va tutelato”

NAPOLI – L’ex portiere del Napoli, Pino Taglialatela, è intervenuto quest’oggi su Vikonos Web Radio/Tv. Ecco le sue dichiarazioni: A caldo sono abituato a non parlare. Da ex giocatore del Napoli cerco di essere obiettivo e non mi piace dire qualcosa di negativo. Lì per lì ti arrabbi, da tifoso, pensa che ho visto nel ’78 contro la Roma la mia prima partita. Ero nei Distinti con mio padre, vincemmo 1-0. Cerco di essere sempre obiettivo, in campo ci sono difficoltà e se l’impresa dello scudetto non è riuscita sicuramente è perché il Napoli non l’ha meritato“.

Delusione scudetto

“Da osservatori esterni, noi ex azzurri dobbiamo sostenere sempre il Napoli, che aveva fatto benissimo poi nelle ultime prestazioni non so cosa sia successo, come ad Empoli. Sinceramente ero certo che si potesse vincere lo scudetto, un pensiero l’avevo fatto, anche perché le squadre avanti non sono più forti, gli azzurri hanno impressionato e confesso che ci avevo fatto la bocca, invece commentiamo l’ennesima delusione“.

Meret

Meret è un capitale del Napoli, andrebbe tutelato. Ma se non gioca anche con Spalletti c’è qualcosa che non va.
Cosa è successo? A pochi metri dal traguardo è il calciatore a fare la differenza, vedi gli errori dei portieri: l’impostazione della costruzione dal basso è un’ossessione, persino a Maradona è capitato di sbagliare uno stop, figurarsi se non può capitare ad un portiere. Ed un suo errore può determinare uno scudetto, una Champions. Ma qui è colpa degli allenatori che si ostinano, il portiere deve parare, e non invece far vedere quanto è bravo con i piedi. Non è facile alternarsi in porta, soprattutto se hai bisogno di continuità, purtroppo Alex è incappato in altre situazioni per via di una gestione fallimentare. Tuttavia, se non ha giocato con Ancelotti, Gattuso e Spalletti, qualcosa che non va c’è di sicuro. Poi Ospina è bravo, bravissimo, ma Meret va supportato, è un capitale del Napoli e deve essere più forte, deve scrollarsi di dosso certe paure, deve capire – chiude Taglialatela – che è un portiere molto forte”.

Napoletanità

La napoletanità ed il senso di appartenenza? Il Taglialatela giocatore ha dato tanto per il Napoli, amo il Napoli. Noi ex azzurri avremmo piacere a fare qualcosa con il club, ma se ci sono altri dirigenti, che fanno il bene del Napoli, ben vengano. Personalmente adoro Paolo Maldini, è il mio modello, mi piace la sua impostazione, al Milan sta facendo la differenza, così come anche Javier Zanetti all’Inter sta dando qualcosa. Alla base di tutto ci vuole tanto professionismo, soprattutto nei giocatori: se indossi la maglia del Napoli devi capire cosa vuol dire, cosa si prova a rappresentare un popolo intero”.

Borsino mercato Napoli: chi parte, chi arriva e chi è in bilico

Guarda la gallery

Borsino mercato Napoli: chi parte, chi arriva e chi è in bilico

Precedente Dalla Nigeria: "Il Napoli e i veti a Osimhen, niente discoteca e niente shopping" Successivo Balotelli furioso per Raiola, botta e risposta social: "Mario te l'avevo detto..."

Lascia un commento