Napoli, odissea Osimhen: perde il volo ma non il Genoa

Più Omero che Joyce, per la struttura narrativa. Quasi un moderno Ulisse del calcio con la maglia numero 9, alla luce della giornata surreale vissuta tra aeroplani presi e coincidenze smarrite, in quella che alla fine è diventata un specie di odissea galleggiante tra i cieli di Lagos, Istanbul e Napoli. Nigeria, Turchia e Capodichino: dalla notte di mercoledì alle 18 di ieri, l’orario in cui l’aereo decollato dal Bosforo due ore prima ha toccato terra e Victor Osimhen, shorts e felpone con cappuccio da viaggiatore vero, ha potuto girare l’ultima scena tra i terminal di due continenti e finalmente infilarsi in un taxi per raggiungere casa. Un mucchio di tempo dopo il piano messo a punto dal club il giorno prima: Osi era annunciato alle 8 di ieri, o giù di lì, ma poi il volo da Lagos è arrivato a Istanbul con un ritardo tale da fargli perdere la coincidenza delle 6. Alla fine, quindi, non ha potuto né riposare e tantomeno passare dal centro sportivo di Castel Volturno, tappa non prevista ma neanche eclusa, per una prima valutazione dello staff medico e dello staff tecnico in vista della partita di domani contro il Genoa. Mazzarri, comunque, era già pronto ad accoglierlo oggi, vigilia immediata, ma la società ha comunque pensato che una prima occhiata fosse doverosa, dopo 50 giorni trascorsi tra la Nigeria e la Costa d’Avorio, dove con la nazionale – dalla fase a gironi alla finale persa con i padroni di casa – ha collezionato 7 partite, 648 minuti, un bel po’ di calcioni (come sempre) e alla vigilia della semifinale anche una gastroenterite che, però, non gli ha impedito di giocare. La sua convocazione sarà decisa oggi, ovviamente, ma può partire dalla panchina. Poi, mercoledì, il ritorno da leader al centro del tridente con il Barça negli ottavi di Champions. Itaca.

Osimhen rientra: le condizioni in vista di Genoa e Barcellona

Il Napoli, che mercoledì gli aveva organizzato un rientro più comodo considerando il diretto dalla Turchia, ha seguito il viaggio-odissea per l’intera giornata con un filino d’ansia: tutti aspettano Osimhen, tutti sono curiosi di sapere come sta. L’idea, dicevamo, era quella di ritrovarlo ieri mattina e di valutarlo fisicamente nei pressi dell’allenamento andato in scena al centro sportivo di Castel Volturno, così da testarne le condizioni, ma il ritardo del Lagos-Istanbul ha poi obbligato a cambiare i piani. Anche se non del tutto. Il club non demorde e chiede a Osi di stringere un altro po’ i denti prima di sprofondare su un divano, e così organizza un controllo di benvenuto con il responsabile dello staff medico, il dottor Canonico, direttamente a casa sua. A Posillipo, in serata. E un’altra maratona è già cominciata: verso il Genoa e il Barcellona. Campionato e Champions. Le sue condizioni saranno più chiare oggi, dopo l’ultima seduta di allenamento prima della partita di domani contro il Genoa, ma l’idea è che un super atleta come Osimhen potrà essere convocato e andare in panchina. E magari fare anche qualche minuto utile verso il ritorno dal primo minuto, in agenda mercoledì, ancora al Maradona, con il Barça. Champions. Champions ovunque: con vista sul presente e sul futuro. Da quando Osi è partito, il Napoli ha segnato 4 gol in 50 giorni e 6 giornate di campionato. Compresa un’autorete. La musica deve cambiare, altrimenti cambierà anche quella delle coppe. E il ritmo, beh, dovrà darlo lui: puntuale e preciso come sempre, in campo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Hodgson, malore durante gli allenamenti: le condizioni Successivo Napoli, il Barcellona vuole Kvaratskhelia: la situazione