Napoli, macchina da gol con 10 giocatori già a segno e Osimhen bomber: “Merito di Spalletti”

Gli azzurri sono arrivati a 31 gare di fila con gol, 14 sono invece quelle nelle quali non perdono

Sì, siamo solo alla quinta giornata. Sì, siamo solo a settembre. Ma il cinque su cinque del Napoli (per la terza volta nella sua storia, dopo il 1987-88 e il 2017-18) non può mai essere catalogato come un semplice evento casuale, anche alla luce del gioco e della mentalità messa in campo dagli uomini di Spalletti, diventato il primo allenatore all’esordio degli azzurri ad aver vinto le prime cinque gare. Mentalità e gol a grappoli, verrebbe da dire: 8 nelle ultime due gare, senza subirne. Quattro contro l’Udinese, quattro stasera contro la Sampdoria. In quattro giorni. Spettacolo puro, per un totale di 14 segnati e solo due subiti (contro Genoa e Juve).

Imbattuto

—  

Sono 14 le partite con il Napoli imbattuto: 11 vittorie e 3 pareggi dopo il k.o. per 2-1 sul campo della Juve il 7 aprile. Per trovare una striscia migliore bisogna risalire ai 26 incontri tra marzo e novembre 2017, record societario. Ma c’è un altro dato clamoroso: sono diventate 31 le partite consecutive in gol in Serie A per l’attuale capolista del campionato, che ne ha segnati 74 (media: 2,39 a incontro). Ultima a secco: il 20 dicembre 2020, sconfitta 2-0 sul campo della Lazio. Solo Juventus e Milan, nella storia della serie A, erano riuscite a segnare per almeno 30 incontri di fila.

Forza 10

—  

Sono intanto diventati 10 i giocatori già andati a segno dopo 5 gare: Osimhen ha segnato 3 gol, Koulibaly e Fabian Ruiz 2, poi uno a testa per Elmas, Insigne, Lozano, Petagna, Politano, Rrahmani e Zielinski. Osimhen è il capocannoniere osannato dai tifosi, un bomber che oggi sembra invincibile: “Sono felice di questi gol e delle mie prestazioni – ha detto il nigeriano – peccato per la scorsa stagione dove mi hanno condizionato gli infortuni e il Covid. Spalletti? Mi ha aiutato, mi dà sempre fiducia e la cosa migliore per ricambiare tutto questa è fare gol”.

Precedente Samp, D'Aversa: "Grande gara nel primo tempo contro un Napoli cinico" Successivo L'Ue contro il Mondiale biennale. E arriva l'incontro tra Ceferin e Infantino

Lascia un commento