Napoli, la gioia fa 96 (gol)! Un magico Insigne raggiunge Careca

Il nuovo anno inizia nel migliore dei modi per l’attaccante che, dopo Altafini e Higuain, eguaglia il brasiliano. Prossimo obiettivo, Attila Sallustro e le sue 107 reti

Il gol di Cagliari gli ha permesso di fare un piccolo balzo in avanti nella classifica dei migliori marcatori di tutti i tempi del Napoli. Un traguardo, però, che assume un’ importanza maggiore se si considera che a quota 96 gol ha raggiunto Antonio Careca, uno degli artefici della storia vincente del club. È un motivo di orgoglio, questo, per Lorenzo Insigne. Il Napoli è la sua pelle, lo sente più della semplice appartenenza. Lo vive con intensità e passione e, naturalmente, da protagonista. Nove anni con la maglietta azzurra sono la sintesi di un amore, di un rapporto spesso tormentato, ma non per questo da maledire. Anzi, negli ultimi dodici mesi Lorenzo ha cambiato atteggiamento, s’è elevato a leader di questa squadra. Un ruolo richiesto dalla sua napoletanità e, soprattutto, dal peso specifico che riesce a garantire alle risorse del club.

PROSSIMA FERMATA

—  

Al capitano piace il giochino del rincorrere. Di slancio, nella passata stagione, aveva superato Gonzalo Higuain, nella speciale classifica, che si è fermato a 91 reti prima di cominciare l’esperienza juventina. E prima ancora, Lorenzo aveva sorpassato José Altafini (88), che come l’attaccante argentino chiuse l’esperienza italiana vestendo la maglietta bianconera. Proprio Antonio Careca, tuttavia, aveva preventivato il sorpasso. “Lorenzo è un grande talento e se dovesse superarmi potrei essere soltanto contento. Lui è il Napoli”, disse l’ex attaccante della nazionale brasiliana in una delle sue ultime chiacchierate con la Gazzetta. Ebbene, il sorpasso non è ancora avvenuto e potrebbe esserci a breve, magari già da mercoledì, nel turno infrasettimanale. Il Napoli ospiterà lo Spezia e potrebbe essere un’opportunità per Insigne di staccare il mitico Careca. Per la stagione in corso, comunque, l’obiettivo del capitano è Attila Sallustro e il quarto posto che occupa, con 107 reti. Gliene mancano 11 e considerato che il Napoli è impegnato ancora in tre competizioni non è escluso che l’impresa possa riuscirgli.

Precedente Errori, fiato corto e amalgama da trovare: Inter, dentro la crisi di Vidal Successivo Probabili formazioni Napoli Spezia/ Diretta tv: quale modulo per Gattuso?

Lascia un commento