Napoli, la finale di Gattuso: è a rischio e non può sbagliare

Napoli-Juve di chi non ci sarà: Buffon (l’unico disponibile, ma sicuramente in panchina); Manolas, Bonucci (anche lui al massimo in panchina), Koulibaly; Hysaj, Ramsey, Demme, Arthur, Ghoulam; Dybala, Mertens. È una squadra che può tranquillamente puntare alla zona-Champions. Domani Napoli-Juve sarà un po’ più povera quando invece ci sarebbe bisogno di immaginare una partita un po’ più ricca del solito. Nessuna delle due sta giocando un calcio che ruba l’occhio. Con una differenza sostanziale però: la Juve sta dietro e vince, il Napoli sta dietro e perde. Almeno questo dice l’ultima parte della stagione, dalla sfida in Supercoppa (vinta dalla Juve e persa dal Napoli) in poi. La squadra campione d’Italia ha trovato il suo equilibrio rimettendosi nel solco della sua storia, la sua rivale invece quell’e- quilibrio l’ha perso. Probabilmente molto è dipeso proprio dalla Supercoppa, quando era stato il Napoli a creare le occasioni più nitide (il colpo di te- sta di Lozano sullo 0-0, il rigore di Insigne sullo 0-1), ma il trofeo era finito fra le mani di Pirlo. Quella sera, tutto è cambiato nella stagione delle due squadre. […]

Gattuso: "Ho passato momenti più difficili di questo"

Guarda il video

Gattuso: “Ho passato momenti più difficili di questo”

Senza l’andata

Si gioca il ritorno prima dell’andata e della data di recupero di Juve-Napoli non c’è traccia. Aspettano che le due squadre siano eliminate nelle coppe e per questo c’è da augurarsi che si recuperi a maggio inoltrato. E’ una stranezza, un’anomalia, ma oggi nessuna delle due squadre può pensarci troppo. Gattuso vuole ripartire dal secondo tempo di Bergamo, dal 4-2-3-1 che per un quarto d’ora ha messo in difficoltà Gasperini di fronte a un Na- poli per la prima volta vivo nelle due semifinali. Rino deve ancora capire se quella può diventare la svolta, dalla Supercoppa in poi ha cambiato spesso impostazione, passando perfino alla difesa a 3, segno che qualcosa gli stava (gli sta) sfuggendo. Il suo amico Andrea non ha questi problemi, è dentro alla Juve che ora risponde ai suoi comandi. Oggi Gattuso spera nel ribaltone, Pirlo nella conferma.

Leggi l’articolo completo sul Corriere dello Sport-Stadio in edicola

Pirlo: "Gattuso a rischio? Il nostro lavoro è così"

Guarda il video

Pirlo: “Gattuso a rischio? Il nostro lavoro è così”

Precedente De Vrij-Lazio, solito incrocio pericoloso Successivo Con Bennacer è un altro Milan: Pioli ritrova il suo artista del centrocampo

Lascia un commento