Napoli-Juve, le scelte di Calzona: Zielinski in vantaggio su Traore

Napoli – Il grande dubbio di Calzona è a centrocampo. La formazione da opporre alla Juventus attende un ultimo ballottaggio che la rifinitura di questa mattina aiuterà a risolvere. Da una parte Traore e la sua freschezza, dall’altra Zielinski e quelle geometrie che presto saranno solo un ricordo. Ma c’è un campionato ancora da concludere. Piotr, al momento, è in vantaggio. Calzona riflette sulla scelta definitiva, è un tassello che manca al 4-3-3 ormai scritto, con tante certezze e qualche novità rispetto allo show di Reggio Emilia. Cambia la difesa, torna Juan Jesus al centro con Rrahmani, Olivera si prenota per la corsia di sinistra, poi ognuno al proprio posto, tra centrocampo e attacco, dopo la goleada che lascia ben sperare e che ha regalato al Napoli una vigilia serena ma senza sottovalutare certe insidie che il calcio sa nascondere. Gli unici due assenti saranno gli infortunati Ngonge e Cajuste. 

Napoli, il dubbio a metà campo

Traore ha giocato 77 minuti di ottimo livello contro il Sassuolo, è una mezzala perfetta per il calcio verticale che ha in mente Calzona, ma è anche reduce da un lungo stop per la malaria e deve ancora ritrovare la miglior forma fisica possibile. La prova di mercoledì è stata incoraggiante, ecco perché Traore resta un’opzione, ma Zielinski è sempre Piotr, anche col destino segnato e il futuro lontano da Napoli. Questa può essere la sua notte, sono partite in cui sa esaltarsi, questa squadra gli appartiene da anni e per questo, al momento, è un passo avanti rispetto all’ex Sassuolo. Da qui al termine del campionato Calzona deciderà sempre in base a diversi fattori e alle proprie esigenze.  

Napoli, il resto della formazione

Due novità in difesa: con Meret, Di Lorenzo e Rrahmani si rivedranno Juan Jesus e Olivera, sostituiti mercoledì da Ostigard e Mario Rui. A centrocampo, in attesa della terza casella, hanno già prenotato una maglia Lobotka e Anguissa, quest’ultimo in crescita rispetto alle ultime uscite. La squadra corta, compatta, coesa, valorizza le sue qualità, esalta la sua classe. Il tridente in attacco sarà il solito, pochi dubbi: Osimhen sarà scortato a destra da Politano e a sinistra da Kvaratskhelia. In panchina ci sarà abbondanza di opportunità tra Lindstrom, Raspadori e Simeone. Presto tornerà anche Ngonge, che anche ieri ha svolto allenamento personalizzato in campo. Il belga salterà la sua quarta gara di fila, con lui mancherà anche Cajuste. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Bayern, Tuchel a rischio esonero: ci sarà contro la Lazio? Successivo Ballardini su Berardi ko: “Fa male al calcio italiano, in due giorno ho capito…”