Napoli, il responsabile tamponi: “Vaccinare i giocatori”

NAPOLIVaccini per i calciatori? Concordo, visto che sono abbastanza a rischio perché girano molto. Vero anche che molti hanno contratto l’infezione senza avere problemi clinici, quindi sono a rischio di infezione ma non di problemi seri”. Lo ha dichiarato il professor Giuseppe Portella, Professore di patologia clinica alla Federico II e membro dello staff che segue i tamponi del Napoli, ai microfoni di Radio Marte: “Però vanno in giro e potrebbero infettare, quindi si potrebbe ipotizzare una vaccinazione in tempi brevi. Io ritengo che il calcio svolga anche un certo ruolo sociale: proviamo a pensare a un periodo di confinamento senza il calcio, l’anno scorso è stato brutto anche perché il campionato era stato sospeso. Si potrebbe pensare, alla luce di tale ruolo, di accelerare la vaccinazione dei gruppi squadra di Serie A. Peraltro non sarebbe un numero altissimo e si farebbero sicuramente a pagamento. ASL silenti sulle vicende delle Nazionali? Il problema è che siamo in presenza di un virus che abbiamo visto essere molto contagioso, facilmente crea problemi. Le decisioni prese spesso sono inadeguate ma non sono prese in cattiva fede. L’ideale sarebbe appunto la vaccinazione”.

Precedente Lee Collins morto a 32 anni, il calciatore era il capitano dello Yeovil Town: sabato era in panchina Successivo James Rodriguez: "Senza Ancelotti non sarei venuto all'Everton"

Lascia un commento