Napoli, il legale Grassani: “Pensiamo a una soluzione per la Coppa d’Africa”

NAPOLI – “Speriamo che non capitino più cori razzisti, ma la SSC Napoli precorre i tempi ed ha il suo credo in merito a questi eventi spiacevoli. Ricordo quando a San Siro Koulibaly venne espulso da Mazzoleni per un applauso che rivolse ai tifosi razzisti. Andammo in appello a dire che Koulibaly non avrebbe voluto deridere l’arbitro, ma si riferiva, con quell’applauso, a chi gli rivolse dei cori razzisti. La priorità della società è di essere intransigente su questi cori, con certi cori si uccidono le persone. Se siamo ancora qui a parlarne è perchè il regolamento attuale consente una mitigazione delle responsabilità, in casi estremi anche una cancellazione della responsabilità della società”. Lo ha dichiarato Mattia Grassani, avvocato e legale del Napoli, ai microfoni di Kiss Kiss Napoli.

Napoli, le parole di Grassani

Grassani ha poi aggiunto: “E’ vero che le società non possono rispondere degli atteggiamenti dei propri tifosi, ma se i cori sono insistenti ed individuabili qualche cosa nella prevenzione andrebbe fatta. Se le persone non sono in grado di autocontrollarsi allora ci vogliono regole più severe ed un prossimo passaggio a livello di inasprimento delle sanzioni e l’eliminazione della cancellazione da parte della società della responsabilità oggettiva, è ovvio che a quel punto si crea una zona di impunità che è quella degli spalti. Il Napoli è pronto a farlo notare all’arbitro se ce ne sarà bisogno“.

Sulla Coppa d’Africa

Sulla Coppa d’Africa: “La società Napoli non sta trascurando alcun tipo di intervento per cercare di dialogare con le organizzazioni internazionali perchè il Napoli è una società che ne uscirebbe più che penalizzata. La trasferta del Napoli in Europa League a Leicester è stata mitigata dall’UEFA e dal Regno Unito e da questo punto di vista partiamo e siamo in una situazione di difficoltà sotto il profilo della possibilità di trattenere i giocatori. Il tempo gioca dalla nostra e la società sta percorrendo tutti i passaggi per cercare di arrivare ad una conclusione che tenga conto degli investimenti e dei diritti della società. Si potrebbero accorciare i tempi della Coppa d’Africa o concordare con le federazioni una sorta di turn over facendo partire i giocatori a scaglioni. Questo problema non riguarda solo il Napoli, ma tante squadre di diversi campionati europei. Non si sta trascurando nulla, anche se la situazione è di rincorsa e non come in altre circostanze”.

Sulla discriminazione e sul rinnovo di Insigne

Grassani è poi tornato sulla discriminazione: “Qualunque essa sia, è uno dei mali che affliggono la nostra società. Bisogna intervenire sul codice di giustizia sportiva. Se si arriva a 10mila euro, per un comportamento grave, è imparagonabile al ritardato inizio della gara, motivo per il quale il Napoli ha avuto una multa da 5mila euro. Ricordate il caso della squalifica di Osimhen? In quella circostanza Osimhen ebbe due giornate di squalifica e 5mila euro di multa. Abbiamo fatto ricorso e l’ammenda è passata da 5mila a 15mila quindi il calciatore ha pagato 10mila euro di più il suo comportamento in Napoli-Venezia”. Infine, sul rinnovo di Insigne: “Non posso dare una risposta, ma da un punto di vista della dinamica di un rinnovo contrattuale in questo momento il mio studio e la parte legale non è stata presa in considerazione”.

CorrieredelloSport.fun, gioca gratis, fai il tuo pronostico e vinci!

Precedente Qualificazioni Mondiali: il pronostico di "Gollo" per vincere i buoni Amazon Successivo Lazio, Zaccagni verso il rientro. Basic decide il test in famiglia

Lascia un commento