Napoli, finalmente Kim: il retroscena sui problemi fiscali

CASTEL DI SANGRO – Ora o mai più. Di corsa, senza sosta, faccia a faccia: l’agente di Kim Min-jae è arrivato a Castel di Sangro. Anzi all’Aqua Montis Resort di Rivisondoli, il quartier generale del Napoli: le parti hanno deciso di incontrarsi per chiudere una trattativa estenuante e dare finalmente il via libera al giocatore, fino a ieri a Lisbona, in Portogallo, con una valigia già chiusa e il passaporto in tasca. Lui è pronto a partire per Roma e dunque a raggiungere la squadra in Abruzzo, ma prima di confermare il volo e brindare a un trasferimento e a una Champions che ha voluto a tutti i costi rinunciando all’ultima curva al Rennes del suo maestro Genesio è necessario definire ogni dettaglio burocratico. E dunque di natura fiscale: proprio come aveva detto De Laurentiis sabato, in apertura di ritiro. Ieri il presidente, il ds Giuntoli e l’agente del giocatore hanno lavorato e poi ancora, una lotta contro il tempo: l’obiettivo comune è che oggi Kim arrivi in Italia, svolga le visite mediche a Villa Stuart e poi si aggreghi già in serata al gruppo. Resta congelata in attesa del placet di Berlusconi la trattativa con il Monza per Petagna, e di conseguenza anche quella con il Verona per il Cholito Simeone. Le lunghe attese del mercato. La lunga estate del Napoli.

Il blitz

E allora, il blitz. Per chiudere, per concludere e mettere la parola fine in calce a una storia che sembrava scritta da giorni: Kim al Napoli e arrivederci e grazie. Il club azzurro ha trovato da un po’ l’accordo con il Fenerbahce sulla base dell’importo della clausola rescissoria – 20 milioni – e il gigante coreano ha salutato i compagni ed è volato a Lisbona. La capitale degli affari dell’agenzia che cura i suoi interessi: la quadra è stata trovata sotto il profilo dell’ingaggio, ma certi aspetti di carattere fiscale hanno rappresentato un ostacolo che De Laurentiis stesso ha sintetizzato così: «Quando negozi ci sono certi avvocati e certi procuratori che ti chiedono la luna. Dovrei pagargli le tasse anche in Corea?». Kim, però, è stato scelto per colmare il vuoto lasciato da Koulibaly ancor prima che la sua cessione al Chelsea diventasse realtà, e tra l’altro Spalletti lo ha definito: «Da Napoli e da Champions». Ecco perché ieri l’agente del giocatore è partito da Lisbona e si è fiondato a Rivisondoli: riunione delicatissima e decisiva.    

L’attacco 

Una volta conclusa la storia del difensore, il secondo dopo Ostigard, il Napoli si dedicherà all’attacco: Simeone attende a Verona e scalpita come il collega coreano, ma in questo caso non è una questione fiscale a rallentare il suo acquisto: se il Monza non accetterà le condizioni del Napoli, e dunque un prestito da 5 milioni con obbligo di riscatto da 10 milioni slegato dalla salvezza, Petagna non potrà partire e liberare la casella per il Cholito. Resta affascinante la pista-Raspadori, pupillo del ds Giuntoli: operazione non impossibile ma difficile soprattutto perché il Sassuolo non vuole perdere anche lui dopo Scamacca. Per la porta, i nomi restano gli stessi: i sogni sono Navas del Psg e Kepa del Chelsea – con partecipazione dei club all’ingaggio -, mentre Neto del Barça è l’altra opzione concreta. Più agevole, diciamo.

Napoli, Lozano cambia procuratore

Guarda il video

Napoli, Lozano cambia procuratore

Precedente Dalla grande opportunità per l'Italia di Scamacca al West Ham alla battaglia di Mancini su Gnonto e gli altri. Per il 9 azzurro non c'era posto ma i club di A hanno tante occasioni per riscattarsi con altri talenti Successivo De Ketelaere, fine della telenovela vicina: la mossa decisiva del Milan

Lascia un commento