Napoli, dallo scudetto alla crisi: Mazzarri prova a scacciare i fantasmi

Le due facce del derby con la Salernitana fanno il verso alle maschere del teatro greco – l’allegria e la tristezza – o forse al paradosso: l’ultima volta che la Salernitana s’è esibita al Maradona, il 30 aprile 2023, questa partita valeva lo scudetto per il Napoli, mentre domani, a distanza di 256 giorni, la squadra di Mazzarri si giocherà l’onore ferito e infilzato dal Toro e la speranza di cominciare a venire fuori da una crisi che comincia ad assumere tonalità e contorni troppo brutti per essere veri. L’ultima volta, più o meno nove mesi fa, la città era ebbra di gioia e tinta d’azzurro, e neanche la mano e il piede di Dia, domani assente come Osimhen, riuscirono a rovinare una festa soltanto rimandata di qualche giorno.

Precedente Kean riflette su Fiorentina e Monza, ma spunta una pista a sorpresa Successivo Mbappè, la frase della mamma sorprende tutti. Ma non è come sembra