Napoli, da Fabian Ruiz a Gattuso: col Verona è il valzer degli addii

Domenica al Maradona sarà l’ultima volta per tanti protagonisti che a fine stagione saluteranno, dal regista spagnolo a Koulibaly, da Hysaj e Maksimovic al tecnico

Peccato che il Maradona resterà vuoto. Perché domenica sarebbe diventata una serata di forti emozioni che rimbalzano fra campo e spalti. Prima di tutto c’è da battere il Verona per concludere brillantemente la rimonta del girone di ritorno e conquistare un posto nella prossima Champions. E poi ci sono alcuni protagonisti che, a chiusura della stagione, saluteranno l’azzurro.

Fabian e il richiamo spagnolo

—  

L’andaluso Fabian Ruiz sta chiudendo da grande protagonista il campionato, maturato nel suo ruolo di regista, e per questo ambito dalle grandi di Spagna, con l’Atletico che appare maggiormente convinto sull’acquisto rispetto a Real e Barcellona, che comunque seguono da tempo il giocatore. Fabian è maturato in due anni a Napoli, conquistando un posto nella nazionale maggiore iberica, dopo essere stato protagonista con l’Under 21.

Koulibaly dalla panca

—  

Un altro probabile partente è Kalidou Koulibaly che vorrebbe cercare di recuperare dall’infortunio (sofferto contro il Cagliari il 2 maggio) e per questo spera almeno di andare in panchina contro il Verona. È vero che il senegalese anche l’anno scorso aveva le valige pronte, ma il pressing dalla Premier (Liverpool e non solo) lascia intendere che la sua cessione possa concretizzarsi anche se non alle cifre di tre anni fa, quando la valutazione del giocatore ruotava attorno ai 100 milioni di euro. Serata di addii sicuri per Hysaj e Maksimovic, in scadenza di contratto, e anche per Bakayoko che rientrerà al Chelsea dal prestito.

Rino in silenzio

—  

Ed è probabile che Gattuso non possa nemmeno salutare la piazza visto che fra lui e il presidente De Laurentiis finora non c’è stato alcun segnale di disgelo e il silenzio stampa imposto da quest’ultimo tre mesi fa impedirà a Rino di poter dire anche solo un pensiero, ma siamo sicuri che ne avrebbe tante cose da dire. Il futuro? Al momento ancora il tecnico non se l’è posto perché concentrato solo sull’obiettivo Champions del Napoli. Ma proprio l’eccellente seconda parte di stagione apre diverse possibilità. La Fiorentina ha già fatto un sondaggio e anche la Lazio, così come rientra in un più ampio casting della Juve. Il suo agente Jorge Mendes parla anche con club di Premier e Liga. Di certo Gattuso lascerà il Napoli col cruccio di aver fatto crescere una bella pianta senza però poterne raccogliere i frutti.

Precedente Samp, Ranieri comunica l’addio. Ora Ferrero ha due opzioni Successivo Papu Gomez, che futuro? Il richiamo dell'Italia, l'ipotesi Inter e il Siviglia: il punto

Lascia un commento