Napoli, da bomber a leader: ecco come Osimhen si è preso città e squadra

In campo continua a convincere tutti con gol e partecipazione ad ogni azione, fuori ha fatto innamorare i tifosi anche grazie al suo sorriso e alla sua infinita disponibilità

C’è una immagine dell’allenamento mattutino di ieri del Napoli che dà la dimensione di cosa rappresenti oggi Victor Osimhen per i tifosi ma anche per i suoi compagni di squadra. Squadra in campo, pubblico che applaude e lui che ricambia salendo poi sulle spalle di Meret strappando un sorriso anche al portiere friulano che sta vivendo un periodo particolare visto l’imminente ingaggio di Kepa.

RESPONSABILITÀ

—  

Osimhen è al centro del progetto, ora più che mai. Dall’inizio del ritiro non ha saltato un allenamento e da quando Spalletti lo ha mandato anzitempo sotto la doccia nella prima domenica a Castel di Sangro si è anche ulteriormente responsabilizzato. Certo, la sua è indole non cambia: Osimhen si sbraccia, cerca il contatto fisico con l’avversario, si lamenta se il pallone non arriva ma soprattutto corre e fa gol senza soluzione di continuità. Poi, ad allenamento finito, si dedica alla gente, corre incontro ai bambini, firma autografi ed anche le maglie che gli vengono lanciate dalla tribuna scoperta.

NUOVO MODULO

—  

In una squadra più giovane e dinamica, il nigeriano potrà sprigionare tutta la sua energia. Nel 4-3-3 provato sin qui, Spalletti lo invita ad attaccare praticamente sempre la profondità cercando lo spazio tra terzino e centrale avversario. Per Victor non ci può essere notizia migliore visto che non ama venire incontro ai centrocampisti e giocare di sponda. In questo modo potrebbe essere anche più lucido sotto porta, come sta dimostrando in queste ultime sedute.

INTOCCABILE

—  

Nell’estate della rivoluzione, Osimhen si è rivelato l’unico intoccabile anche perché il prezzo fissato sul suo cartellino (100 milioni di euro almeno) si è rivelato una montagna troppo alta da scalare per tutti. Così, il Napoli ha fatto in modo di tenersi stretto il suo centravanti, l’uomo da “doppia cifra con il due davanti” che potrebbe regalare ai tifosi del Maradona soddisfazioni imprevedibili.

Precedente Roma, da brasiliani semi-sconosciuti a certezze: da Mancini fino a Ibanez Successivo Uruguay: tifosi Nacional in delirio per ritorno Suarez

Lascia un commento