Napoli, cinque in Qatar. Gli altri azzurri in Turchia

NAPOLI – Dalla Turchia allo scudetto con furore. Il Napoli ha salutato sabato il campionato con l’undicesima vittoria consecutiva e la forza di un primo posto blindato da un vantaggio notevole e ora godrà di un po’ di vacanza meritata. Tutto o quasi, certo: Anguissa, Kim, Lozano, Olivera e Zielinski andranno al Mondiale e qualcun altro sarà di scena in amichevole con le Nazionali rimaste a guardare, ma poi fatta eccezione per i magnifici cinque del Qatar, il gruppo avrà la possibilità di staccare la spina.

Napoli, tre mesi da urlo: tutti i protagonisti

Guarda la gallery

Napoli, tre mesi da urlo: tutti i protagonisti

Ritiro in Turchia

Almeno fino alla fine del mese: le date e il programma non sono ancora ufficiali, certo, però tra la fine di novembre e l’inizio di dicembre gli azzurri voleranno ad Antalya, in Turchia, sede di un ritiro che in qualche modo servirà a replicare quello estivo. Una sorta di richiamo in vista della volata finale. Con una certezza: Spalletti, ai tempi dello Zenit, ha già gestito una lunga sosta invernale. E ha vinto due campionati.  

Mondiali, la formazione dei grandi esclusi della Serie A è incredibile

Guarda la gallery

Mondiali, la formazione dei grandi esclusi della Serie A è incredibile

I nazionali

E allora, il countdown. Quello che il sito web ufficiale del club azzurro ha fatto partire dopo la passerella finale con l’Udinese: alla prossima partita, in programma il 4 gennaio a San Siro con l’Inter, mancano cinquantuno giorni. Un’eternità, sì, che però di questi tempi sarà riempita con il riposo, la tournée in Turchia, un po’ d’amichevoli e ovviamente il Mondiale. Con ordine: Anguissa sfilerà in Qatar con il Camerun, Kim con la Corea del Sud, Lozano con il Messico, Olivera con l’Uruguay e Zielinski con la Polonia. In quattro condividono anche il girone: il Chucky e Zielo e poi Minjae e Mathias. Convocati per le amichevoli delle escluse, invece, gli italiani Meret, Di Lorenzo, Raspadori e Politano; Elmas (Macedonia), Lobotka (Slovacchia), Ostigard (Norvegia, sfiderà l’Italia dei colleghi) e Kvaratskhelia (Georgia). Le condizioni di Kvara, fermo da tre partite per una forma acuta di lombalgia, sono da valutare. 

Classifiche a confronto: Roma, che sorpresa! Il salto di Juve e Lazio

Guarda la gallery

Classifiche a confronto: Roma, che sorpresa! Il salto di Juve e Lazio

Le partite

Gli impegni amichevoli, comunque, si concluderanno entro domenica, e ciò vuol dire che al di là dei cinque al Mondiale per gli altri sarà vacanza: l’idea è che la pausa durerà una decina di giorni, ma il programma definitivo non è ancora ufficiale. L’ipotesi più accreditata è che la ripresa coinciderà proprio con la partenza per la Turchia. Per Antalya. Dove la squadra lavorerà per un paio di settimane giocando anche qualche amichevole: a quanto pare con il Fatih Karagumruk di Pirlo e si parla anche di una tra Fulham e Crystal Palace. Il Napoli dovrebbe sostenere un paio di test pure al rientro in Italia, uno dei quali al Maradona e un altro probabilmente fuori casa: si vedrà. Come anche il cammino dei nazionali al Mondiale: Polonia e Messico sono nel gruppo con Argentina e Arabia Saudita; Uruguay e Corea con Portogallo e Ghana; il Camerun con Brasile, Serbia e Svizzera. Il campionato è fermo, insomma, ma il calcio continua. Come il sogno del Napoli. Pardon, il progetto scudetto: dalla Turchia con furore. Come sopra.

Spalletti: "Mancano ancora 72 punti". Argentina, Dybala va in Qatar

Guarda il video

Spalletti: “Mancano ancora 72 punti”. Argentina, Dybala va in Qatar

Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Precedente Abraham si scusa: "Meritate di più, dopo la sosta ci riscatteremo" Successivo Zalewski e le difficoltà della Roma: "Sappiamo che dobbiamo dare di più"

Lascia un commento