Napoli, caso Osimhen: chiusa l’indagine su De Laurentiis, avvocato sereno

La Procura di Roma ha notificato ufficialmemente la chiusura delle indagini su Aurelio De Laurentiis per l’acquisto di Victor Osimhen dal Lille nel 2020. Il presidente del Napoli è accusato di falso in bilancio nel procedimento legato a presunte plusvalenze fittizie.

Napoli, chiusa l’indagine sul caso Osimhen

Oltre al presidente del Napoli, sono indagati anche i membri del Consiglio di amministrazione del club azzurro, che erano in carica all’epoca dei fatti. Osimhen fu acquistato per 71,2 milioni di euro, con quattro giocatori del Napoli valutati 21 milioni di euro come parziale contropartita (il portiere greco Karnezis e tre giovani calciatori, Liguori, Manzi e Palmieri).

Avvocato Grassani: “Il Napoli non rischia nulla”

Mattia Grassani, avvocato del Napoli specializzato in diritto sportivo, ha fatto chiarezza sulla situazione a Radio Kiss Kiss: “Il caso Osimhen e il falso in bilancio? Non sono a conoscenza di tutto ciò quindi non posso confermare e non posso smentire. Sotto il profilo sportivo gli stessi giocatori hanno portato ad un esito diametralmente opposto ossia quello del proscioglimento del club e dei dirigenti che hanno collaborato e contribuito a determinare l’operazione Osimhen. Quindi occorre predicare calma, prudenza e un avviso di conclusione delle indagini significa che soltanto un tassello di un puzzle molto più grande è stato collocato in una scacchiera che manca ancora degli elementi fondamentali e quindi di una difesa della società e dei suoi dirigenti, di una valutazione da parte del gip, gup e tanto altro ancora”.

La magica notte di Zerbin, l'uomo partita del Napoli in Supercoppa

Guarda la gallery

La magica notte di Zerbin, l’uomo partita del Napoli in Supercoppa

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Vlahovic, l'alieno della Signora: ora numeri e gol sono da scudetto Successivo 'Non ci sono Juve e Milan?'. La vergogna della Supercoppa in Arabia e lo stadio deserto