Napoli-Atalanta, le pagelle: Juan Jesus sbaglia, Carnesecchi miracoloso

NAPOLI – Voti e giudizi del match del Maradona, finito 3-0 per la squadra di Gasperini che fa un balzo avanti in chiave lotta Champions e praticamente elimina la rivale dai giochi. Per Calzona avventura chiaramente al capolinea, uniche vittorie finora quelle contro il Sassuolo – con Bigica in panchina prestato dalla Primavera tra l’esonero di Dionisi e l’arrivo di Ballardini – e contro la Juventus di Allegri.

Pagelle Napoli

Meret 6 – Se il risultato non è più pesante, il merito gli appartiene. Sì mostra più sicuro nelle uscite.

Di Lorenzo 5.5 – Sbadato in fase difensiva, indeciso sul primo gol, accompagna poco la manovra.

Rrahmani 5 – Troppo morbido nel contrasto con Scamacca in occasione del primo gol.

Juan Jesus 5 – Disattento. Da una sua palla persa nasce il raddoppio dell’Atalanta.

Mario Rui 5.5 – Non regge il duello con Hateboer, ne soffre la fisicità.

Anguissa 5 – Spesso fuori posizione, assente in fase di interdizione.

Simeone (30’ st) 5.5 – Entra con la solita grinta, ma non incide.

Lobotka 6 – E’ uno dei pochi a provarci, anche se meno brillante del solito.

Traorè 5 – Confuso e disordinato, Calzona boccia se stesso sostituendolo all’intervallo.

Zielinski (1’ st) 6.5 – Il palo gli nega un gol pazzesco.

Politano 5 – Prova qualche accelerazione, senza risultati concreti.

Lindstrom (22’ st) 5.5 – Ha una buona occasione, ma è lento e si fa anticipare da Scalvini.

Osimhen 6 – Ci prova con tutte le sue forze, ma si imbatte in un Carnesecchi superlativo.

Raspadori 5 – Ha il compito di sostituire Kvara ed è una scelta sbagliatissima. Bocciato dopo i primi 45’.

Ngonge (1’ st) 6 – Porta freschezza e si fa vedere con continuità.

Allenatore Calzona 5 – Perde l’imbattibilità in campionato e le ultime possibilità di rientrare nella corsa Champions. Il suo effetto sul Napoli è già finito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Guardiola, sfogo clamoroso: "Il Real ha nove giorni per preparare la partita, nove!" Successivo C'è grande distanza con Rodriguez: il Torino rischia di perdere il capitano a zero

Lascia un commento