“Napoli, asta per Kim Min-Jae: interesse anche dalla Premier”

Si sta scatenando un’asta attorno a Kim Min-Jae, centrale di difesa del Fenerbahce che il Napoli avrebbe individuato come erede designato di Kalidou Koulibaly. La trattativa per portare il sudcoreano in Italia però è tutt’altro che semplice: il sudcoreano interessa a diverse squadre. Almeno 3, secondo l’Equipe.

Napoli-Perugia 4-1: gli highlights della partita

Guarda il video

Napoli-Perugia 4-1: gli highlights della partita

Kim Min-Jae conteso tra Napoli, Rennes… E non solo

Il quotidiano francese riporta che si sta complicando la possibilità che il Rennes possa firmare Kim Min-Jae. Non si tratta unicamente della concorrenza partenopea, che avrebbe pareggiato l’offerta da 20 milioni di euro corrispondente alla clausola rescissoria del centrale del Fenerbahce. Il club transalpino si sarebbe scoraggiato non tanto per il duello di mercato con il Napoli, bensì per l’inserimento di almeno un’altra squadra della Premier League. Una situazione che inizia a farsi molto intricata, troppo probabilmente per il Rennes che, pertanto, starebbe pensando di fare un passo indietro per prendere in considerazione altre piste.

Napoli, sarà all-in su Kim Min-Jae oppure no?

Ore decisive, dunque, per capire se ci sarà un sorpasso da parte dei Club di Premier League che sembrano interessati al 25enne sudcoreano. Certamente, le disponibilità economiche inglesi sono maggiori rispetto a quelle del Napoli, anche per quanto riguarda l’ingaggio che De Laurentiis e Giuntoli potrebbero mettere sul piatto per convincere il calciatore. Tuttavia, sarà importante – se non decisiva – proprio la volontà dello stesso Kim Min-Jae, che potrebbe sentirsi lusingato dalla corte che Luciano Spalletti e il Napoli, da tempo, gli stanno riservando.

Napoli, Koulibaly al Chelsea: Kim il favorito per sostituirlo

Guarda la gallery

Napoli, Koulibaly al Chelsea: Kim il favorito per sostituirlo

Precedente Addio Juve, De Ligt è arrivato a Monaco di Baviera Successivo Calciomercato Serie C, Piacenza: ecco Nelli e Zunno

Lascia un commento