Napoli a caccia di lottatori: nel mirino Simeone e Nandez

Spalletti vorrebbe giocatori con spirito da guerrieri. Ma prima che possano arrivare il Cholito e l’ex Cagliari, servono uscite, con Petagna e Fabian Ruiz principali indiziati

Dal nostro inviato Maurizio Nicita @manici50

19 luglio – dimaro (trento)

Voglia di Sudamerica, voglia di garra. Voglia di ritrovare quello spirito che caratterizzò il Napoli più vincente della storia, quello di Diego Armando Maradona. Ma anche di Alemao e Careca. Il mercato degli azzurri è in una fase delicata, perché la primarietà prevede l’acquisto del sostituto di Kalidou Koulibaly (e la trattativa con il coreano Kim Min jae avanza), ma strategicamente il direttore sportivo Cristiano Giuntoli sta guardando oltre e tiene in caldo un paio di colpi importanti, legati alle uscite che, per scelta della proprietà, devono esserci prima delle entrate. I nomi sono quelli di Simeone e Nandez, entrambi classe 1995, pronti a un salto di qualità.

cholito e nandez

—  

E così se alla fine Andrea Petagna andrà al Monza, il Napoli è pronto a prendere Giovanni Simeone, uno che tra l’altro spesso ha fatto gol agli azzurri. Il centravanti argentino sarebbe l’alternativa a Victor Osimhen ma in certe situazioni potrebbe giocare al fianco del nigeriano. Il Cholito, oltre alla tecnica, ha un carattere che piace molto in casa Napoli, dove sono partiti diversi giocatori di personalità. Discorso simile per il centrocampista uruguaiano del Cagliari, Nahitan Nandez. Se ci sarà un’uscita fra gli attuali giocatori in rosa (Fabian Ruiz il maggiore indiziato) arriverebbe questo mediano, che ha tecnica e grinta e potrebbe essere anche una buona alternativa come mezzala nel 4-3-3 che sta portando avanti Spalletti. Che insegue una fisicità nelle caratteristiche dei suoi giocatori, che non deve essere solo apparente prestanza fisica, ma capacità di lottare palla su palla lì in mezzo dove poi la partita si decide.

Precedente Tour de France, trionfo del canadese Hugo Houle, primo in solitaria a Foix, Vingegaard sempre in maglia gialla Successivo Milan-Tanganga: pista sempre calda. Ma va trovata la formula col Tottenham

Lascia un commento