Nanni sul Green Pass: “Riporterebbe la gente allo stadio con pochi rischi”

NAPOLI – Il medico sociale del Bologna (e responsabile dei medici di Serie A) Gianni Nanni è intervenuto a Radio Marte. Argomento, e non poteva essere altrimenti, la questione Covid: “Il discorso del campionato non è assolutamente a rischio. Come gruppo squadra di Serie A stiamo già vaccinando la maggior parte dei nostri compomenti. Per quel che riguarda calciatori e staff, che fanno parte del gruppo, non ci sono problemi. Dal punto di vista degli spettatori credo che il utilizzando il Green Pass ci sia una possibilità di portare dentro gli stadi un bel po’ di persone. Certamente non c’è la situazione dell’anno scorso”.

Mercato serie A, l'analisi squadra per squadra

Guarda la gallery

Mercato serie A, l’analisi squadra per squadra

“Calciatori no vax? Non si può obbligare nessuno…”

E ancora: “Con il Green Pass vero – cioè vaccinato o Covid-19 guarito – i rischi sono minimi. Diverso è il rischio di tamponi un paio di giorni prima, perché magari lo sto incubando. Per quello che riguarda i vaccinati e i Covid-19 guariti non c’è problema. Apriamo a tutti quelli che possono andare. Se nel 50% la maggior parte non sono vaccinati o guariti rischiamo grosso. Non sono neanche azzerate le misure di sicurezza, ci sarà un servizio d’ordine che regola entrate e uscite”. Nanni analizza anche un’altra possibilità: “Test salivare? In Italia non è stato ancora convalidato ma rispetto all’anno scorso abbiamo aumentato la sicurezza. Calciatori no vax? Ovviamente l’obbligatorietà non c’è e su questo siamo d’accordo, non si può obbligare un calciatore a vaccinarsi. Devi fare di tutto per convincerli però ovviamente non si può obbligare. Chiaramente chi non è vaccinato dovrà sottostare al protocollo dell’anno scorso, con tamponi ravvicinati, sierologico e misure di sicurezza. Discorso di libertà e di rispetto verso gli altri. Dovremmo imporre che chi non si vaccina se ne assume le responsabilità e ne paga le conseguenze. Se ti becchi il Covid-19 poi ti paghi le cure. Io ti curo e ti salvo ovviamente però paghi le terapie, perché non hai voluto vaccinarti. Stiamo parlando di una pandemia. Stiamo subendo una pandemia mondiale, non possiamo avere le stesse regole e gli stessi principi senza un problema del genere. Si è liberi di non vaccinarsi ma poi se ne pagano le conseguenze. Non solo paghi le cure ma paghi anche i danni che procuri agli altri. Se tu crei un focolaio poi devi pagare. Non credo che andremo a minare la democrazia e i diritti con una cosa del genere”.

Figc in ansia, i vaccinati sono la minoranza

Guarda il video

Figc in ansia, i vaccinati sono la minoranza

“Vaccinazioni in Serie A? Siamo a buon punto”

Variante delta? Ci sono sulla scena una serie di misure non applicate in maniera rigorosa, anche per via degli Europei. Abbiamo chiaramente visto delle scene che non sono molto edificanti in un momento di pandemia ma ce lo dovevamo aspettare. Ovvio che si parla soprattutto di persone giovani, quindi le terapie intensive e gli ospedali sono molto meno coinvolte. Dal punto di vista della vaccinazione l’obiettivo è quello di arrivare a inizio di campionato con il gruppo squadra vaccinato in Serie A. Credo che siamo a buon punto. C’è ancora qualche defezione dovuta a qualcuno che non vuole vaccinarsi ma siamo a buon punto. La Federazione si è resa disponibile a risolvere anche certe problematiche. Dovremmo arrivare agli appuntamenti ufficiali con la stragrande maggioranza dei gruppi squadra vaccinati. Chi non ha ancora l’immunizzazione definitiva o completa dovrà sottostare a sierologici periodici come prevedeva il precedente protocollo” ha concluso Nanni.

Precedente Brahim Diaz: "Ancelotti mi ha parlato del Milan, la maglia 10 pesa" Successivo Brahim Diaz: "La maglia 10 pesa. Ancelotti mi ha parlato del Milan"

Lascia un commento