Nadia, una vita in tackle ai talebani: la sua storia diventa un film

Scappata dall’Afghanistan, esplosa a Parigi dove fa gol e si sta laureando in medicina: Nadim rappresenta tutto quello che i talebani odiano

Sognava di tornare in Afghanistan e promuovere il calcio, lo sport che le ha permesso non solo di uscire a testa alta da un campo profughi, ma anche di affermarsi come una delle giocatrici più importanti, nel Psg, con cui ha vinto lo scudetto a giugno prima di trasferirsi di nuovo negli Usa, e soprattutto della nazionale adottiva della Danimarca.

Precedente Svizzera, blitz post gara: Shaqiri "vestito" con giacca dell'Uck, fermato l'invasore Successivo Xavi e il ritorno al Barcellona: "Aperto a qualsiasi opzione"

Lascia un commento