Moviola Torino-Juve, l'analisi del contatto tra De Ligt e Belotti

Partita non limpida per l’internazionale Michael Fabbri. Ma prima ancora di parlare di De Ligt-Belotti (al limite), della rimessa invertita sul gol dell’1-1 (era per la Juve, ma poi passano diversi secondi), della simulazione di Bernardeschi, c’è quel giallo tolto a Mandragora che desta molto stupore. Perché non è una valutazione “oggettiva” sbagliata (un angolo, una rimessa laterale, un fallo non commesso) ma è una valutazione “soggettiva” che spetta solo all’arbitro. Che ha visto il fallo (che c’è), che lo ha valutato da giallo (che probabilmente non c’era) e non può essere oggetto di contrattazione tirando sul prezzo. Altrimenti bisogna ammettere che ha ammonito per inerzia, e il discorso scivolerebbe su un terreno minato.

Entrata di De Ligt su Belotti: niente rigore e Torino furioso

Guarda la gallery

Entrata di De Ligt su Belotti: niente rigore e Torino furioso

La spiegazione del contatto tra De Ligt e Belotti 

Non c’è una sola verità sull’episodio De Ligt-Belotti, anzi, forse una c’è: non è un episodio da VAR. Perché Belotti liscia il pallone e l’unico che lo tocca è De Ligt (siamo più per questa ricostruzione, dunque no rigore), ma è anche vero che De Ligt colpisce netto Belotti e poi il pallone.

E’ Bremer che tiene in gioco Ronaldo sul tocco di Chiellini, anche in maniera netta, è il VAR che corregge l’assistente Meli. Vojvoda non sfiora neanche Bernardeschi, che simula in maniera clamorosa: qui bravo Fabbri ad ammonire.

VAR: Mazzoleni 6 “Segna” lui il gol di Ronaldo.

La simulazione di Bernardeschi scatena la polemica sul web

Guarda la gallery

La simulazione di Bernardeschi scatena la polemica sul web

Precedente Il Romanista in apertura: "Una Via Crucis. Pareggio con le riserve di De Zerbi" Successivo Inter, è lo scatto decisivo per lo scudetto. La Juve deve guardarsi alle spalle

Lascia un commento