Moviola Lazio-Verona, errore Massa: manca il secondo giallo su Cabal

Se Massa al 39’ del secondo tempo si accorge che il fallo commesso da Cabal su Pedro è fuori dall’area di rigore, l’arbitro si dimentica l’ammonizione per Spa (cioè per aver interrotto una promettente azione d’attacco). Sarebbe stata la seconda per il giocatore del Verona, già punito con il giallo, correttamente, per una sbracciata su Pedro. Ma più in generale dal punto di vista disciplinare Massa non è impeccabile: al 27’ del primo tempo manca un cartellino giallo a Serdar per un fallo imprudente su Marusic. Rischia qualcosa anche Casale che, poco prima di essere sostituito al 15’ st, da già ammonito, protesta per un fallo che gli è stato fischiato contro. Nel primo tempo, al 38’, Romagnoli ha preso il giallo per un fallo imprudente. È stato l’unico cartellino dei primi 45’, mentre nella ripresa Massa ne ha estratti 7, fra cui uno (dubbio) per Luis Alberto. L’ultimo nell’ultimo minuto di recupero lo ha ricevuto Zaccagni per proteste.

Lazio, niente rigore su Guendouzi

Al 35’ pt la Lazio ha reclamato un calcio di rigore: Guendouzi è finito a terra in area dopo che Serdar lo ha spinto leggermente da dietro. Non c’è contatto tra le gambe e l’intensità sembra troppo lieve per giustificare il fallo. La decisione di Massa di lasciar proseguire appare corretta e in ogni caso non c’è margine per un intervento del Var Pairetto.

Voto: 5,5
VAR: Pairetto 6


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Lazio, le mosse di Tudor e il calendario Successivo Bologna-Udinese, le formazioni ufficiali: ancora out Orsolini. Confermato El Azzouzi