Moviola Italia-Spagna: ok l'espulsione di Bonucci, manca quello a Gavi

Tre le ammonizioni comminate nel primo tempo da Sergei Karasev (voto 5.5), che ha cercato di tenere alta la soglia per esibire i cartellini, dimenticandosene, però, alcuni doverosi e non sempre tenendo in pugno la partita, molto nervosa. Da regolamento sono giusti i due gialli ricevuti da Bonucci che al 42’ è così stato espulso. Da già ammonito, per un’evidente protesta al 30’ nei confronti del direttore di gara russo, il difensore azzurro ha colpito con il gomito il volto di Busquets. Bonucci saltando ha guardato l’avversario e allargato il braccio. Nel gesto non c’è stata assolutamente violenza ed infatti l’espulsione diretta non è stata presa in considerazione da Karasev, che ha invece optato per una giusta ammonizione, la seconda per Bonucci.

Italia, da Insigne a Pellegrini: le reazioni social dopo il ko contro la Spagna

Guarda la gallery

Italia, da Insigne a Pellegrini: le reazioni social dopo il ko contro la Spagna

Karasev concede troppo, regolari i gol

Corretto anche, al 45’, il cartellino giallo per Azpilicueta per un fallo su Emerson, ma nella prima frazione manca un’ammonizione per Gavi che al 14’ ha fermato con un intervento falloso la ripartenza di Chiesa. Il direttore di gara ha concesso troppo e nella ripresa le squadre hanno ulteriormente alzato il tono agonistico: sono arrivate altre 4 ammonizioni, 3 agli spagnoli Sarabia, Pino e Oyarzabal e una a Locatelli. Per lo stesso metro sarebbero stati da ammonire anche Kean per un intervento in ritardo e nel recupero Laporte per un intervento imprudente su Kean. Regolari tutti e tre i gol della partita. In quello dell’Italia Pellegrini è dietro la linea del pallone portato avanti da Chiesa

Tutti gli approfondimenti sull’edizione del Corriere dello Sport – Stadio

Italia-Spagna, reazioni e ironie social: "Ma l'arbitro è inglese?"

Guarda la gallery

Italia-Spagna, reazioni e ironie social: “Ma l’arbitro è inglese?”

Precedente Australia, “In nazionale calcio molestie e abusi”/ I racconti choc di ex giocatrici Successivo Lazio, Zaccagni e Immobile puntano l’Inter

Lascia un commento