Moviola: Danilo, il rigore non c’era. Orsato, rientro con un dubbio

Juve-Fiorentina: Danilo, braccio nella “figura”. Milenkovic, rosso… ingenuo. Sozza, voto 6

Esame di maturità per Sozza, fra i più promettenti: passato, ma non a pieni voti. Un po’ in difficoltà sui provvedimenti disciplinari, sulle scelte (lui e gli assistenti sbagliano la concessione di tre angoli), sulla rilevazione dei falli (su Terracciano è fallosa sempre, vanno in tre, al di là della manata di De Ligt evidente). In contropiede sul fischio finale del primo tempo, l’ha preso per mano Di Paolo. 

No rigore

Cross in area Juve, saltano Saponara (e colpisce il pallone) e Castrovili (che forse lo sfiora pure), Danilo dietro tocca con il braccio sinistro: pallone inaspettato, braccio si staccato dal corpo in avanti ma dentro la silhouette di Danilo. Non l’avesse toccata di mano sarebbe finita sul corpo, non aumenta lo spazio, non rende «se stesso più grosso», o «make himself bigger» secondo quello che è scritto nel regolamento inglese.  

Espulsione

Già ammonito, Milenkovic s’oppone a Chiesa, che un po’ cerca il contatto (che c’è, sullo stinco destro, si vede il calzettone che si muove): ingenuo l’uno, scaltro l’altro, impossibile per Sozza non concedere la punizione e non fare secondo giallo. Rischia Nastasic: l’entrata su Locatelli è brutta, da… arancione. 

Fuorigioco

Annullato un gol a Morata: giusta valutazione dell’assistente Mondin, al momento del cross di Cuadrado è oltre Igor, ultimo difendete viola.

VAR: Di Paolo 6,5

Freddo e lucido sul finire di primo tempo. Che dire, bentornato! 

La Fiorentina non resiste in dieci: magia di Cuadrado, la Juve ride

Guarda la gallery

La Fiorentina non resiste in dieci: magia di Cuadrado, la Juve ride

Cagliari-Atalanta: Piccinini+Chiffi che roba! Rigore e mai da OFR. Voto 5

Metti una dose di Piccinini, una di Chiffi, mischi e…. Sicuramente non una partita da incorniciare per l’arbitro di Forlì, anzi: molto impreciso, in balia spesso di una partita che sembrava portarlo in giro. L’apice sul rigore assegnato e poi tolto dopo la review, e qui scende in campo Chiffi, che non riesce a rimanere lontano dai guai. Se pure non fosse rigore (lo è, per noi, e non sarebbe un rigorino), mai da OFR. Ok il gol di Pasalic (c’è Godin) e di Joao Pedro (c’è Palomino). 

Due errori

Carboni calcia un pallone che è davanti a Pasalic: lo prende, è indubbio, ma colpisce anche la gamba destra dell’avversario. Piccininirigore, prendere il pallone non è «tana libera tutti» (pensate ad un tackle, se si va col piede a martello e si prende pallone e gamba dell’avversario, oltre alla punizione c’è pure il rosso). Chiffi chiama una OFR senza senso, Piccinini al monitor ci mette un po’, vede, rivede, poi lo toglie. Ed è il secondo errore.

Dubbio

Corpo a corpo Demiral-Joao Pedro, Piccini punisce forse il primo appoggio di JP10, ma la strattonata di Demiral è cento volte più netta. avesse dato rigore…

VAR: Chiffi 4,5

Senza senso…

Al Cagliari non basta Joao Pedro: l'Atalanta la spunta con Zapata

Guarda la gallery

Al Cagliari non basta Joao Pedro: l’Atalanta la spunta con Zapata

Spezia-Torino: Orsato, dubbio su Singo e una OFR non da… VAR. Voto 6

Venti giorni dopo Juve-Roma, Orsato torna in campo nella massima serie dopo aver fatto un VAR in A, una gara in B, un altro VAR in A. Non dirige male, l’unica OFR della partita è un po’ “forzata”, dal nostro punto di vista ha fatto bene Nasca (togliamoci il dubbio, no?), ma certo per i puristi del protocollo qualcosa da dire c’è.

Rivisto

Nasca chiama Orsato al monitor per un tocco di braccio destro di Bastoni in area Spezia (l’arbitro in campo aveva sanzionato il successivo fuorigioco): c’è il tocco di Singo davanti al bianconero che ha il braccio decisamente molto largo, per sua fortuna sotto la linea delle spalle. Questo, unito al tocco ravvicinato del granata, porta Orsato dopo la review a confermare l’offside. 

Dubbio

Singo cade in area, travolto da Amian che gli si butta davanti: rigore, anche netto (stupore: e il VAR?), poi il rallenty scova una trattenutina dello stesso Singo con la mano destra sulla maglietta di Amian. Leggera, ma se ad Orsato basta… 

No rigore

Cross nell’area dello Spezia, Bastoni col petto, Sanabria protesta senza fondamento.

VAR: Nasca 6 

Resta (per gli amanti del protocollo) il dubbio sulla OFR chiamata. 

Sala lancia lo Spezia: crolla il Torino di Juric

Guarda la gallery

Sala lancia lo Spezia: crolla il Torino di Juric

Precedente Roma, rivoluzione Mourinho: cambio modulo e due esclusioni eccellenti Successivo Napoli, Insigne ora deve decidere. Boga è il piano B

Lascia un commento