Mourinho scatenato: “Arbitro e Var non all’altezza. Abbiamo dominato”

Il tecnico della Roma furioso dopo il k.o. con la Lazio: “Il direttore di gara è stato decisivo. Noi abbiamo giocato meglio e meritavamo un altro risultato”. Poi sbotta contro la Lazio che gli vieta la conferenza stampa

Quando l’arbitro ha fischiato la fine del derby, José Mourinho è entrato in campo e ha chiamato a sé i suoi, tutti, da Zaniolo a Fuzato. E ha parlato. E parlato ancora. La sconfitta in un derby pesa in modo particolare e lo Special One lo ha capito benissimo. “Che cosa ho detto? Resta tra di noi”. Ma è l’unica cosa che non dice. Ai microfoni di Dazn il portoghese infatti si scatena. Nel mirino: arbitro e Var. “La sensazione che ha chi come me ha allenato in Italia dieci anni fa è che il calcio italiano sia migliorato tanto, dal gioco alla voglia di vincere. Purtroppo l’aribitro e il Var non hanno avuto la dimensione per una partita di questo livello”. Il riferimento è al mancato rigore su Zaniolo nel primo tempo, da cui è poi scaturito il 2-0 della Lazio: “L’arbitro (Guida, ndr) ha sbagliato in campo, il Var pure lì da dove si trova. Questo è troppo. E poi secondo giallo a Leiva sarebbe stato importante, giocare in dieci fa la differenza: ci sono state situazioni simili a quella di Pellegrini con l’Udinese, per lui rosso e oggi niente. Ho visto serenità, orgoglio, squadra e qualità di gioco, meritavamo un risultato diverso. L’arbitro è stato decisivo”.

“I più bravi”

—  

Mou è dunque soddisfatto dei suoi: “Sono con i miei giocatori, siamo stati più bravi in campo. Certo, quando concedi tre gol significa che qualcosa hai sbagliato, ma il secondo e il terzo sono arrivati su contropiede e anzi sul secondo noi aspettavamo il rigore… Abbiamo dominato, mettendo la Lazio in grande difficoltà”. E un’altra frecciata al direttore di gara: “Loro hanno gestito gli ultimi minuti come volevano perché l’arbitro gli ha permesso di fare così. Non ho molto altro da dire”. Preoccupato per gli errori difensivi? “No, lo sarei se non giocassimo o se non cercassimo di vincere anche nelle difficoltà o se la lazio avesse dominato dall’inizio alla fine. Ripeto, due gol li abbiamo presi in contropiede, una squadra che sta perdendo deve rischiare come abbiamo fatto noi”.

“Zaniolo fantastico”

—  

Gli chiedono degli spazi lasciati aperti sul primo gol, quello di Milinkovic Savic. E lui insiste: “Il calcio italiano è proprio cambiato perché dopo una partita così volete parlare di calcio e non di arbitri…”. Poi continua: “L’inserimento di Milinkovic lo avevamo previsto ma abbiamo lasciato troppo spazio, certo che abbiamo sbagliato ma la reazione cha abbiamo avuto, come se niente fosse successo trovando subito grandi opportunità per l’1-1, mi è piaciuta”. La chiusa è per Zaniolo: “Nico ha fatto una buona partita, in certe situazioni ha distrutto gli avversari, qualche volta non ha deciso nel miglior modo per noi, ma ha fatto una partita fantastica, peccato per l’affaticamento fisico che non gli ha permesso di finire”.

Lo show contro la Lazio

—  

Terminata l’intervista con Dazn Mourinho fa per andare a parlare con i giornalisti in conferenza stampa, ma le modalità scelte dalla Lazio non lo permettono. Il portoghese non ci sta e sbotta: “Mettetevele al c… queste regole, io voglio parlare con i giornalisti”. Uno show che mostra tutta la rabbia e l’orgoglio dello Special One.

Precedente Inter, in Champions vietato sbagliare. Contro lo Shakhtar torna Correa Successivo DIRETTA/ Trento Virtus Bologna (risultato 17-30) streaming Rai: felsinei a razzo

Lascia un commento